Palazzo Tolomei (Siena)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Tolomei
Palazzo tolomei, si, 04.JPG
Palazzo Tolomei
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneToscana Toscana
LocalitàSiena
Indirizzopiazza Tolomei
Coordinate43°19′12.48″N 11°19′52.06″E / 43.320134°N 11.331128°E43.320134; 11.331128Coordinate: 43°19′12.48″N 11°19′52.06″E / 43.320134°N 11.331128°E43.320134; 11.331128
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXII - XIII secolo

Il palazzo Tolomei è un edificio storico di Siena, situato nell'omonima piazza, lungo il percorso della via principale della città.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Stemma dei Tolomei

La nota famiglia senese s'insediò in Italia a seguito della venuta di Carlo Magno e, nella città toscana, fu tra le prime a distinguersi nell'arte del cambio, divenendo una potente famiglia di banchieri, proprietari di torri e castelli nei territori tra la Montagnola Senese e la Maremma. Appartenente a questa famiglia fu Pia dei Tolomei, citata da Dante nel V Canto del Purgatorio, in cui si racconta la sua morte ad opera del marito, che gettò la donna da una finestra del suo castello, in Maremma.

In questa zona di Siena, all'epoca fuori dalle mura, la famiglia possedeva nell'XI e XII secolo un castellare, che ne testimonia la già raggiunta ricchezza. Il primo palazzo fu edificato a partire da prima del 1205; data che ne fa la più antica residenza privata sopravvissuta a Siena, sebbene poi venisse rifatto nei soli piani superiori dopo il 1267, in seguito alla distruzione quasi completa dell'edificio ad opera dei Ghibellini. La ricostruzione fu eseguita fra 1270 e 1275. Nel 1277 la residenza dei Tolomei subì un incendio, che però non compromise il palazzo, che oggi è frutto di un restauro del 1971 e sede della Cassa di Risparmio di Firenze.

La facciata in pietra grigia del palazzo rivela le sue linee tipicamente duecentesche, con due piani molto distanziati, divisi da cordoni di ricorso e alleggeriti da due file di cinque eleganti bifore, sormontate da archetti acuti e occhi trilobi.

Nel salone sono ricomposti frammenti architettonici recuperati durante gli ultimi lavori di ripristino.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Grossman, Max, "A Case of Double Identity: The Public and Private Faces of the Palazzo Tolomei in Siena," Journal of the Society of Architectural Historians 72, no. 1 (March 2013), 48-77.
  • Toscana. Guida d'Italia (Guida rossa), Touring Club Italiano, Milano 2003. ISBN 88-365-2767-1
  • Prunai, Giulio, Guido Pampaloni and Nello Bemporad, Il Palazzo Tolomei a Siena (Firenze: Cassa di Risparmio di Firenze, 1971).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4673001-1