Ordine al merito navale (Federazione Russa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ordine al merito navale
Орден «За морские заслуги»
Order Of Naval Merit.jpg
Russia
Federazione Russa
IstituzioneMosca, 17 dicembre 2002
Precedenza
Ordine più altoOrdine al merito militare
Ordine più bassoOrdine d'onore
Order of navy Merit rib.png
Nastro dell'ordine

L'ordine al merito navale è un'onorificenza della Federazione Russa.[1] È stato fondato il 17 dicembre 2002.

Assegnazione[modifica | modifica wikitesto]

L'ordine viene assegnato ai cittadini:

  • per i risultati conseguiti nello sviluppo dell'esplorazione e dell'uso degli oceani nell'interesse della difesa nazionale e per il garantire il suo sviluppo economico e sociale;
  • per i risultati conseguiti nello sviluppo e nell'attuazione delle più recenti tecnologie e attrezzature per la marina russa;
  • per i servizi di manutenzione, nell'espansione e ricerca e della zona esclusiva economica oceanica della Federazione Russa;
  • per i risultati ottenuti nella lotta contro le azioni illegali di pirati e bracconieri volte a causare danni ambientali ed economici che possono incidere male nella reputazione e negli interessi della Federazione Russa nella sua zona economica esclusiva oceanica, così come gli attacchi contro le navi battenti bandiera nazionale della Federazione russa sugli oceani;
  • per la sapiente organizzazione e svolgimento di esercitazioni e manovre navali, durante i quali tutti gli obiettivi sono stati pienamente raggiunti.

Insegne[modifica | modifica wikitesto]

  • L'insegna è una croce d'argento di 40 mm di larghezza. Al centro si intersecano due ancore e si trova un medaglione con l'emblema della Federazione Russa. Il bordo del medaglione è smaltato di blu e si trova la scritta in argento "AL MERITO NAVALE" (russo: "ЗА МОРСКИЕ ЗАСЛУГИ" ).
  • Il nastro è bianco con tre sottili strisce blu centrali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) Decreto del Presidente della Federazione Russa n°1099 del 7 settembre 2010, Russian Gazette, 7 settembre 2010. URL consultato il 7 febbraio 2012.