Olivetti MP1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
MP1
prodotto di disegno industriale
Olivetti MP1 Ico.jpg
Dati generali
Anno di progettazione1932
ProgettistaRiccardo Levi, con Aldo Magnelli
Profilo prodotto
Tipo di oggettomacchina per scrivere
ProduttoreOlivetti
Prodotto dal1932
al1950
Notesostituita da Lettera 22

La MP1 è una famosa macchina per scrivere meccanica portatile prodotta dalla Olivetti.

La macchina per scrivere[modifica | modifica wikitesto]

Nata da un'idea di Adriano Olivetti e Gino Levi Martinoli, capo dell'Ufficio Progetti e Studi fondato nel 1929, la Olivetti MP1 fu progettata materialmente nel 1932 da Riccardo Levi, con design di Aldo e Adriano Magnelli. È la prima macchina da scrivere portatile della Olivetti ed è conosciuta anche come modello ICO.[1]

Si caratterizza per le varie colorazioni disponibili: oltre al classico nero, erano disponibili il rosso, il grigio, il marrone, il celeste.

La tastiera è del tipo QZERTY, come è solito delle macchine italiane (a parte le moderne tastiere per computer). Oltre ai tasti di scrittura la tastiera include una barra spaziatrice, due tasti delle maiuscole, un tasto fissamaiuscole, il tasto di ritorno e un tasto di tabulazione.

Nell'insieme dei tasti di scrittura non è presente il tasto col numero 1, che si ottiene utilizzando la lettera l (elle) minuscola oppure la I (i) maiuscola, e non è presente neanche lo zero, che si ottiene digitando la O (o) maiuscola. Sebbene questo oggi possa sembrare strano, era invece piuttosto comune nelle vecchie macchine per scrivere. Mancano anche i tasti per le vocali accentate maiuscole usate nella scrittura della lingua italiana, e per accentare una vocale maiuscola si deve battere un apostrofo dopo di essa.

Esistono anche modelli rari della MP1 prodotti esclusivamente per l'estero:

  • Olivetti MP1 Rapida
  • Olivetti MP1 Simplex
  • Olivetti MP1 Monta

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dalla MP1 alla Valentine, passando per la Lettera 22 e 32, su storiaolivetti.it. URL consultato il 12 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2011).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Design Portale Design: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Design