Olivetti Lettera 10

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lettera 10
prodotto di disegno industriale
PIC 0293 Olivetti LETTERA 10.jpg
Dati generali
Anno di progettazione1978
ProgettistaMario Bellini
Profilo prodotto
Tipo di oggettomacchina da scrivere
ProduttoreOlivetti
Prodotto dal1979

La Olivetti Lettera 10 è una macchina per scrivere portatile prodotta dalla Olivetti e commercializzata a partire dal 1979.

La macchina per scrivere[modifica | modifica wikitesto]

La Lettera 10 fu progettata nel 1978 da Mario Bellini. Come già la Olivetti Dora, la Olivetti Valentine, la Olivetti Lettera DL, la Olivetti Lettera 25 e la Olivetti Lettera 35, riprende meccanicamente la Lettera 32, uscita nel 1963 e progettata da Marcello Nizzoli. [1]

Meccanica[modifica | modifica wikitesto]

Con la meccanica uguale a quella della lettera 32, la Olivetti Lettera 10 è una macchina per scrivere con leve di scrittura a pressione. Ogni volta che viene premuto un tasto di scrittura il martelletto corrispondente, tramite il meccanismo cinematico, va a battere sul nastro con inchiostro rosso o nero, dietro al quale sta il foglio di carta sul quale viene così impresso il simbolo corrispondente. Una levetta situata in alto a destra della tastiera può essere usata per controllare la posizione del nastro e selezionare la stampa in colore nero, rosso o senza inchiostro (in caso di copie con la carta carbone o per la preparazione di matrici a inchiostro per il ciclostile). Il nastro si avvolge a ogni pressione dei tasti e cambia automaticamente direzione di avvolgimento quando è terminato in uno dei due rocchetti nei quali è avvolto. Due sensori meccanici posti vicino a ogni rocchetto si spostano quando il nastro si tende (ciò indica che sta finendo) e invertono la sua direzione di avvolgimento. [2]

Tastiera[modifica | modifica wikitesto]

La versione italiana della macchina utilizza il layout QZERTY, anche se sono state prodotte versioni con disposizioni differenti di tasti a seconda della lingua a cui erano rivolte. I tasti alfanumerici sono 44 per un totale di 88 segni. Oltre a questi, la tastiera include una barra spaziatrice, due tasti per impostare le lettere maiuscole, un tasto di blocco delle maiuscole, una levetta per poter oltrepassare i margini impostati, un tasto per retrocedere di un carattere, una levetta per impostare le tabulazioni e un tasto (rosso) per passare da una tabulazione all'altra.[3]

L'insieme dei caratteri a disposizione ha evidenti mancanze: non è presente il tasto col numero zero, che si ottiene digitando la O (o) maiuscola; mancano inoltre i tasti per le vocali accentate maiuscole usate nella lingua italiana, che andavano sostituite dalle lettere normali seguite dall'apostrofo. Questa tipologia di soluzioni era piuttosto comune nelle macchine per scrivere dell'epoca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dalla MP1 alla Valentine, passando per la Lettera 22 e 32, su storiaolivetti.it. URL consultato il 23 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2011).
  2. ^ design prodotti Olivetti, su storiaolivetti.it. URL consultato il 18 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  3. ^ storia della Olivetti, su storiaolivetti.it. URL consultato il 23 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2011).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Design Portale Design: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Design