Oliva di Brescia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Santa Oliva (o Olivia) di Brescia è festeggiata il 5 marzo.

Di santa Oliva (o Olivia) venerata a Brescia si sa veramente poco e anche il suo culto è desueto: nella Bibliotheca Sanctorum è riportata come vergine, martire e santa[1]. Secondo i Bollandisti la sua festa ricorreva il 5 marzo; per il Faino il 18 aprile[2]. La sua vita, reputata dagli stessi agiografi frutto di fantasia[3], è semplice e si accorda allo stereotipo dei martiri dei primi secoli: Oliva, cristiana, sorpresa a pregare sulle tombe dei martiri bresciani, viene arrestata. Condotta davanti ad Aureliano, prefetto della città, è torturata per indurla a rinnegare la propria fede, ma resiste a lungo; muore pregando nell'anno 119[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A. NODARI, voce Olivia (Oliva), in Bibliotheca Sanctorum, IX, col. 1171.
  2. ^ B. FAINO, Martyrologium sanctae brixianae ecclesiae, Brescia 1665, pp. 54-57.
  3. ^ Eppure pare che le sue ossa siano conservate a Brescia nella chiesa di Sant'Afra in Sant'Eufemia Sito Catholic forum Archiviato il 3 maggio 2006 in Internet Archive.
  4. ^ A. BARCHI, Storia dei santi martiri bresciani, Brescia 1842, pp. 96-97.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]