Nodulo di Copeman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
La zona in cui si trovano è la lombo sacrale accanto alla colonna a destra e a sinistra come annerito in foto e sono in genere a grappoli mai sole il dolor di schiena diventa nel tempo altamente invalidante. Sempre vengono confuse con ernie o protusioni perché si trovano nella stessa zona e sui nervi premono in profondità. Al tatto dettagliato e meticoloso in zona lombare si sentono appena, essendo profonde di forma ovale allungata in profondità, unica via per ritornare a vivere escissione chirurgica quando la misura supera 10-15mm e sono molto ben incollate dentro. Dopo l'intervento si sente un'immediata sensazione di libertà e il dolore scompare. I sanitari non hanno alcuna formazione e informazione in merito spesso si gira tanto per anni senza trovare soluzione
La zona in cui si trovano

Il nodulo di Copeman è una lesione benigna che consiste nell'erniazione del tessuto adiposo sottocutaneo attraverso la fascia superficiale[1]. Denominato originariamente lipoma episacroiliaco da Ries, che per primo lo descrisse nel 1937[2], ha assunto tale nome da Will Copeman[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La condizione è stata descritta per la prima volta da Ries nel 1937 come lipoma episacroiliaco, il cui trattamento include iniezioni di anestetici o escissione chirurgica. Successivamente, Copeman e Ackerman notarono la presenza di noduli in circa il 10% delle persone con problemi di schiena, la cui causa per molto tempo rimase inosservata per i medici.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Molte sono le persone affette da questa banale patologia che si confonde con l'ernia del disco. Molti casi di mal di schiena sono il risultato di processi che coinvolgono i muscoli, le articolazioni, i dischi e la fascia nella regione lombo-sacrale.

Si tratta di una sindrome causata da un nodulo sottocutaneo composto da fibre e grasso, che è stato trovato nella regione sacroiliaca in quasi il 15% delle persone che si lamentano di soffrire di mal di schiena.

Il "mouse back" descrive la sua mobilità sotto la pelle o nel muscolo, la sua consistenza gommosa e la capacità di modificare le dimensioni nel tempo. Questi noduli sono in genere indolori, ma possono diventare sintomatici.

I noduli sono composti da tessuto adiposo, separati da setti fibrosi e circondati da una capsula fibrosa. Possono essere posizionati lungo la cresta iliaca, intorno alle articolazioni sacro-iliache oppure nei bordi del muscolo sacro spinale.

Dopo una serie di autopsie, Copeman concluse che questi noduli fossero il risultato del tessuto adiposo che si ernia attraverso la fascia neurovascolare, sotto la fascia superficiale.

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Capita che questi noduli possano essere considerati frutto di una sindrome miofasciale, pensando ai medici che il problema sia la pulizia della radice del nervo.

Una palpazione accurata della zona lombo-sacrale può consentire al medico di identificare questi noduli, in quanto sono posizionati nello strato di tessuto sottocutaneo profondo. È possibile trovare uno o più noduli vicini gli uni agli altri.

La tecnica migliore per la loro rilevazione è simile a quella che viene utilizzata per l'esame al torace, compiendo pressione con la superficie piana delle dita.

Se si avverte ildmal i schiena e non si soffre di deficit neurologici o disfunzioni vertebrali, è consigliato rivolgersi al medico circa la possibilità di avere un nodulo Copeman doloroso. Esistono dei trattamenti che il medico può prescrivere, ma non sono risolutivi in quanto si tratta di un problema meccanico infiammatorio profondo.

Vista ecografica del nodulo Nodulo: come si presenta ecograficamente con sonda da 10mz formazione ovale del profondo strato cutaneo a circa 1cm con diametro 15x9,6mm circa. Da notare che la formazione in genere non compare e non si vede con RMN e TAC
Vista ecografica del Nodulo

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

All'indagine ecografica appare come una centimetrica (0,7-1,8 cm) lesione ipoecogena della sottocute, ben circoscritta in corrispondenza della parte superiore della cresta iliaca destra o sinistra e/o ambedue. Al power doppler non presenta vascolarizzazione.

È paragonabile ad una pallina dura di grasso bianco che sta sotto la fascia muscolare, a circa 2–3 cm sopra o vicino all'osso iliaco, dove si appoggia il nervo sciatico.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Può essere trattata chirurgicamente con una banale operazione in day hospital da un chirurgo in anestesia locale con circa 3 punti di sutura. Il dolore cronico scompare immediatamente.

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Il lipoma o il grappolo di lipomi (2-4) causa dolore cronico alla bassa schiena e dolore al nervo sciatico, tanto da rendere impossibile stare seduti o stesi.

Altri sintomi frequenti sono il dolore al polpaccio (in genere laterale), l'impossibilità di toccarsi l'alluce con la mano a gamba tesa a 90°, dolore al gluteo, crampi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andreotti, Taddei, pp. 228, 2000.
  2. ^ Ries E, Episacroiliac lipoma, in Amer J Obstet Gynec, n. 34, 1937, p. 490.
  3. ^ Copeman WSC, Ackerman WL, "Fibrositis" of the back, in Quart J Med, n. 13, 1944, pp. 37-51.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lupo Andreotti, Marzio Taddei, Patologia dolorosa muscolo-scheletrica di comune riscontro nella medicina pratica, SEE Editrice Firenze, 2000, ISBN 88-8465-028-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina