Ninfe e satiro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ninfe e satiro
William-Adolphe Bouguereau (1825-1905) - Nymphs and Satyr (1873).jpg
AutoreWilliam-Adolphe Bouguereau
Data1873
Tecnicaolio su tela
Dimensioni260×180 cm
UbicazioneClark Art Institute, Williamstown (Massachusetts)

Ninfe e satiro (Nymphes et Satires, 260x180[1]) è un dipinto a olio realizzato nel 1873 dal pittore francese William-Adolphe Bouguereau, uno dei maggiori esponenti del "realismo borghese" e della corrente dell'"accademismo" o art pompier.

Esposto in quello stesso 1873 a Parigi nel Salon (mostra)[1][2], un anno prima che si realizzasse la prima esposizione dell'impressionismo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Acquistato dal collezionista d'arte americana e speculatore John Wolfe (1821-1894)[3] assieme a "Primavera" di Pierre Auguste Cot[4][5], è stato mostrato nella sua villa per molti anni accanto ad altre dipinti di autori francesi accademici.

È stato in seguito venduto all'asta nel 1888, dopo di che Sterling Clark ha riscoperto la tela poco prima del 1900, posta nel bar all'interno dell'Hotel Hoffman House di New York, rintracciandola nuovamente solo nel 1930 quand'era già abbandonata in un magazzino e fuori dalla visione del pubblico; infine riuscendo ad acquistarla nel 1943. Attualmente viene conservata al Clark Art Institute di Williamstown (Massachusetts)[2].

litografia (1890) della saletta interna del bar nell'Hotel Hoffmam: sulla parete a destra le "Ninfe e satiro".

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nei pressi di un laghetto ombroso ed appartato, un gruppo di ninfe ha appena catturato un satiro che, presumibilmente, le stava osservando di nascosto. Tre di esse stanno cercando di spingerlo verso l'acqua, mentre la quarta lancia un cenno alle compagne che stanno al di fuori della scena invitandole ad unirsi a loro. Nel frattempo, schizzato e con uno degli zoccoli già immerso, il satiro tenta di resistere.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Considerato esser come l'artista archetipo della lussuria della pittura ottocentesca, anche se dal punto di vista dell'erotismo non è uno dei pittori più interessati di quegli anni: ciò che vediamo pare difatti essere una continuazione del barocco, senza l'apertura nei confronti del desiderio di un Peter Paul Rubens. "Ninfe e satiro" è pertanto un esempio di stile in cui la maestria tecnica riesce a far visualizzare la scena energica che è raffigurata. In Bouguereau, così come in Jean-Baptiste Greuze, vi è una combinazione inquietante di innocenza e di malizia[6].

L'autore, che ha fatto tutta una serie di disegni preparatori, pone le figure umane in pose interconnesse complicate, che le collegano insieme in una composizione meravigliosamente ritmica[7][8].

Il suo lavoro è divenuto sempre più popolare negli Stati Uniti, fino ad essere riprodotto più e più volte in tutto il paese[9], con grande scandalo dei moralisti[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nymphs and Satyr, William Bouguereau, The Metropolitan Museum of Art. URL consultato il 02.08.2013.
  2. ^ a b Nymphs and Satyr, William Bouguereau, Clark Art Institute. URL consultato il 02.08.2013 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2013).
  3. ^ Twenty-first-century Perspectives on Nineteenth-century Art: Essays in Honor of Gabriel P. Weisberg, Cranbury, New Jersey, Associated University Presses, 2008, p. 99, ISBN 978-0-87413-011-9.
  4. ^ Carol Vogel, Tate Modern Prepares for the London Games, The New York Times — www.nytimes.com, 5 июля 2012. URL consultato il 02.08.2013.
  5. ^ Fred Ross, The Story of Springtime, www.artnet.com. URL consultato il 02.08.2013.
  6. ^ Lucie-Smith, Edward: La sexualidad en el arte occidental. Ed. Destino, Barcelona, 1992; p. 121. ISBN 84-233-2180-0
  7. ^ Nymphs and Satyr, The Clark Now (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2013).
  8. ^ Explore Bouguereau's Nymphs and Satyr during lunchtime talk on June 10 at the Clark, su clarkart.edu, 2010 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2012).
  9. ^ D'Emilio, John & Freedman, Estelle B. Intimate matters: a history of sexuality in America. University of Chicago Press, 1988, p. 108
  10. ^ Life, 3 maig 1948, p. 135

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura