Nicholas Quinn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicholas Quinn
Nicholas Quinn.jpg
Quinn
UniversoChuck
Autori
1ª app. inChuck vs. Bo
Ultima app. inChuck vs. l'addio
Interpretato daAngus Macfadyen
Voce italianaSaverio Indrio
SessoMaschio
Luogo di nascitaignoto
Data di nascita1960 circa
Professione

« Mi chiamo Nicholas Quinn, e sto per trasformarmi nell'Intersect. »

(Quinn si presenta a Morgan)

Nicholas Quinn, è un personaggio immaginario della serie televisiva statunitense Chuck, di Josh Schwartz e Chris Fedak.
È interpretato da Angus Macfadyen, con la voce italiana di Saverio Indrio.

Quinn è l'ex agente della CIA cui originariamente era destinato l'Intersect che Bryce Larkin inviò a Chuck Bartowski nel primo episodio[1]. Pur di ottenere l'elaboratore neurale che gli spettava di diritto, Quinn affronterà il Team Bartowski, rivestendo il ruolo di principale antagonista della seconda metà della quinta e ultima stagione[2].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Quinn è un uomo dal fisico tozzo e robusto, coi capelli ed il pizzetto scuri ma a tratti brizzolati, e uno sguardo sbeffeggiatorio, tagliente ed al contempo iroso ed inquietante, caratterizzato dai sottili occhi grigio-azzurri. Il personaggio è caratterizzato principalmente dall'espressione serena e noncurante che rivela la sua grande sicurezza di sé; nonché dal sorriso sarcastico di cui fa costante sfoggio in contrasto all'espressione truce incisa sulle sue sopracciglia e sottolineata dalla forma della barba che gli incornicia il mento. Caratteristiche queste che, unite alla voce roca e gruttuale, lo rendono inquietante per i suoi nemici.

Quinn veste sempre con lo stereotipato completo "classico" da spia: completo scuro, camicia, cravatta e in alcune occasioni un lungo soprabito. Sebbene tale abbigliamento sia condiviso da più personaggi nella serie, il vestiario di Quinn è particolare in quanto sempre rigorosamente in tinte di nero, camicia inclusa.
Unica eccezione a tale abbigliamento è il periodo in cui si spaccerà per il supervisore di Sarah, facendo sfoggio di una più comune camicia bianca.

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Quinn viene presentato nella serie come un uomo austero, rilassato e dotato di grande autocontrollo ma anche infido, manipolatore e senza scrupoli. L'unico scopo dell'uomo è quello di impadronirsi dell'Intersect, egli stesso si riferisce all'elaboratore neurale come ad una sua proprietà[1]. La prima volta in cui lo si vede visibilmente infuriato nella serie è il momento in cui racconta del suo anno di turture e, sebbene l'esperienza sia stata traumatizzante, egli afferma poco dopo di essere disposto a dimenticare tutto nel caso in cui entri in possesso dell'Intersect, dando prova di possedere una vera ossessione per il supercomputer, tale per cui sembra essere disposto a qualsiasi cosa, anche uccidere centinaia di innocenti o minacciare dei civili. Nonostante sia spesso impaziente e frenetico nella sua corsa al possesso dell'elaboratore neurale tuttavia, Quinn dà anche prova di sapere calcolare i rischi, infatti prima di installarselo desidererà verificare gli effetti avuti dal dispositivo su Morgan, e riscontrato che il modello installato nella mente di Sarah è difettoso progetterà di sottrarne un altro.

Quinn dà più volte dimostrazione di essere un maestro pianificatore, sempre almeno un passo avanti ai suoi nemici, e può tranquillamente essere considerato la spia più abile ed insidiosa mostrata nella serie, tuttavia sembra non considerare le sue molte abilità in quanto tali e reputare di necessitare a tutti i costi del supercomputer, non a caso alla sua prima apparizione dichiarerà: «Ho provato a vincere senza l'Intersect, ma non ci sono riuscito»[1].

Subdolo, ambiguo e scorretto, Quinn non mantiene mai la parola data: in un'occasione tende una trappola a Sarah e Casey nonostante avesse concordato con essi uno scambio tra Chuck e gli occhiali contenenti l'Intersect[1], mentre in un'altra si rifiuterà di dare ai suoi uomini l'ordine di liberare Alex nonostante lo avesse promesso a Casey qualora gli avesse consegnato i suoi compagni[3]. Il personaggio manifesta inoltre un evidente senso dell'umorismo nero, oltre che una forte vena di sadismo e terrorismo psicologico rivolta verso i suoi avversari.

Apprezza molto il kabuki[3] e la sua pistola preferita è una FNP-45, sebbene si serva spesso anche di una Steyer SPP.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Non si conosce molto riguardo alla vita di Nicholas Quinn, nacque in territorio statunitense[4], presumibilmente all'inizio degli anni sessanta; non è chiaro quando venne reclutato dalla CIA, tuttavia in breve ne divenne il migliore agente, tanto che nel 2007, quando l'agenzia condivise i suoi segreti con la NSA all'interno dell'Intersect, Quinn venne selezionato per ricevere l'elaboratore neurale. Sfortunatamente per lui, l'Anello mise gli occhi sul supercomputer governativo e, per difenderlo, l'agente Larkin lo rubò e lo inviò a Chuck Bartowski, il quale diventò l'Intersect umano dei servizi segreti al posto di Quinn, dando inizio agli eventi narrati nella serie[1].

Contemporaneamente a ciò, Quinn venne comunque mandato sul campo a svolgere la missione per la quale avrebbe necessitato le informazioni dell'Intersect, ma l'assenza di tali dati lo portò ad essere smascherato e catturato dal nemico, il quale lo sottopose a 378 giorni di tortura all'interno di una buca scavata nel terreno. Miracolosamente riuscito a fuggire all'inizio del 2008, l'uomo lasciò l'agenzia e si diede al servizio mercenario desideroso di riscatto, sviluppando dunque una vera e propria ossessione per il possesso dell'elaboratore neurale[1].

Negli anni Quinn riscosse molto successo come mercenario, avendo contatti con il gruppo di liberazione della Libia Islamica, con Kim Jong-il, con Fulcrum, con l'Anello e con le Volkoff Industries[1].

Nella serie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Chuck (quinta stagione).

All'inizio della quinta e ultima stagione, Quinn riuscirà ad impossessarsi di un paio di occhiali provvisti di Intersect, ma deciderà di non usarli per paura di possibili effetti collaterali. Per conoscere di più sull'elaboratore neurale e sui suoi difetti dunque, Quinn incaricherà una sua agente, Bo Derek, di catturare Morgan, l'ultimo Intersect umano, il quale però, dopo aver avuto un flash, sconfiggerà gli uomini del mercenario e gli sottrarrà gli occhiali provvisti del dispositivo, per poi nasconderli in una sede locale del Buy More[1].

Quinn si metterà allora sulle tracce degli occhiali sottrattigli, incrociando la sua strada a quella delle Carmichael Industries, i quali lo anticiperanno e recupereranno il dispositivo costringendolo alla fuga ed uccidendo alcuni dei suoi uomini. Non dandosi per vinto, Quinn si introdurrà di soppiatto nella casa di Sarah e Chuck e rapirà quest'ultimo di modo da costringere i suoi compagni a scendere a patti e consegnargli l'Intersect. Quando però, durante lo scambio i suoi uomini tenteranno di eliminare gli agenti rivali per ottenere l'elaboratore neurale senza rilasciare il loro ostaggio, come da reale intenzione di Quinn, Sarah per salvarsi e correre in soccorso del marito si installerà volontariamente il dispositivo, grazie al quale sconfiggerà gli agenti dell'uomo[1] e inscena la sua morte e quella di Casey[3].

Contemporaneamente, Quinn si imbarcherà con Chuck su un treno giapponese dirretto verso una località sconosciuta, di modo che il ragazzo, assieme ai suoi scienziati, possa collaborare alla costruzione di un nuovo Intersect. Durante il viaggio, tuttavia, Bartowski viene liberato dai compagni e Quinn, al fine di ottenere quanto chiesto minaccerà di uccidere Alex tramite dei suoi uomini a Burbank, fatto che spingerà Sarah a gettarlo fuori da una delle finestre del treno in corsa. Quinn riuscirà tuttavia a sopravvivere, risalirà sul treno e, conscio che l'Intersect si trovi nella mente di Sarah, riuscirà a catturarla, a velocizzare il suo processo di cancellazione mnemonica, azzerandone completamente gli ultimi cinque anni di vita, ed a condizionarla affinché uccida il marito[3].

Quindi manderà Sarah in missione in casa Bartowski con il compito di recuperare gli occhiali necessari per caricare l'elaboratore neurale e darà istruzioni alla donna attraverso una ricetrasmittente. Quando Chuck progetterà di distruggere la nuova sede dell'Intersect creato dalla CIA, Quinn ordinerà a Sarah di approfittare della situazione per scaricare sugli occhiali la versione originale del computer, ma Chuck riuscirà a scambiare gli occhiali provvisti del dispositivo con un falso. Sarah, sotto esortazione di Quinn, prenderà in ostaggio Ellie, sorella di Chuck, per avere l'elaboratore neurale, ma verrà tramortita e catturata dal marito che proverà a farla ritornare in sé. Tuttavia, Quinn interferirà nuovamente e, approfittando della debolezza di Chuck a causa del suo amore per Sarah, prenderà finalmente gli occhiali provvisti di Intersect e sfuggirà nuovamente alla CIA e al Team Bartowski[5].

Quinn si metterà dunque sulle tracce dei componenti di un dispositivo definito la Chiave, capace di eliminare ogni impurità dall'Intersect rendendolo perfetto; localizzato l'ultimo componente in mano alla Beckman, Quinn la raggiungerà all'opera e piazzerà sotto la sua sedia un ordigno volto a realizzare la sua vendetta verso i servizi segreti. Dunque si appresterà ad installare finalmente l'elaboratore neurale all'interno del proprio cervello ma, a un passo dal riuscirci, verrà raggiunto da Chuck e Sarah, la quale, furiosa per tutti i ricordi sottrattigli dall'uomo, lo ucciderà con un colpo di pistola in pieno petto.

Abilità[modifica | modifica wikitesto]

« Ti avverto: l'unica cosa che non posso battere è l'Intersect! »

(Quinn affrontando Chuck)

Quinn è dotato di una grande intelligenza ed è un esperto di strategia e tattica militare, nonché di svariate tecniche di spionaggio. Dispone di un'abilità di simulatore e truffatore, elevata fino al punto da renderlo capace di raggirare perfino Sarah[3], ed è un leader dotato tanto da riuscire a dirigere migliaia di uomini e decine di altre compagnie spionistiche pur rimanendo dietro le quinte[1]. Prima che lasciasse la CIA, difatti, Quinn era considerato il migliore agente dell'agenzia[1].
È implicito che possegga una memoria eidetica, essendo stato selezionato dai servizi segreti affinché ricevesse la versione originale dell'Intersect, impossibile da installare in una memoria normale. Sempre per lo stesso motivo, Quinn ha memorizzato alla perfezione il programma dell'elaboratore neurale[3] e, per sua stessa ammissione, il supercomputer è l'unica cosa che non è in grado di sconfiggere[3].

Fisicamente Quinn è dotato di una forza enorme ed è uno degli agenti più competenti e dotati dal punto di vista della conoscenza delle arti marziali e di svariate altre tecniche di combattimento corpo a corpo[3], tanto da essere in grado di resistere perfino ad una serie di attacchi di Sarah come Intersect umana[3]. Oltretutto è enormemente abile nell'uso di qualsiasi tipologia di arma da fuoco e possiede una mira pressoché infallibile, cosa che lo rende eccellente anche nel padroneggiare le armi bianche[3]. Viene fatto intendere sia anche un esperto pilota di aerei ed elicotteri[6].

Infine, Quinn è un esperto di tortura, sia fisica che psicologica, perfettamente in grado di compiere un lavaggio del cervello condizionando una mente umana[3]. Essendo sopravvissuto a più di un anno di torture[1] dispone di un'elevata resistenza al dolore fisico, cosa che gli permette di passare tranquillamente sotto ad un treno in corsa senza risentire minimamente della pressione.

Oltre alla sua lingua madre[4] inoltre, sembra conoscere il giapponese[3] e il tedesco[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l Chuck vs. Bo
  2. ^ (EN) Natalie Abrams, Braveheart's Angus Macfadyen Joins Chuck as Final Villain, in TV Guide, 25 ottobre 2011. URL consultato il 26 ottobre 2011.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l Chuck vs. il treno proiettile
  4. ^ a b In alcune scene, nel doppiaggio originale dello show, Quinn tradisce un leggero accento scozzese, dovuto al fatto che il suo interprete Angus Macfadyen sia appunto originario di Glasgow.
  5. ^ Chuck vs. Sarah
  6. ^ a b Chuck vs. l'addio
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione