New Criticism

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

New Criticism è una corrente letteraria critico-poetica che si è sviluppa negli USA e in Inghilterra fra gli anni trenta e gli anni cinquanta nel segno del rifiuto di ogni spiegazione storico-ideologica della poesia.

Il movimento deve il suo nome al volume di John Crowe Ransom The New Criticism (La nuova critica, 1939) e nasce in opposizione alla rigida ortodossia della critica marxista e al moralismo del neoumanesimo. Matrice culturale comune degli scrittori che lo formarono è l'origine "sudista", ovvero la provenienza da gruppi di intellettuali contrari all’industrializzazione, al marxismo e alla politica di Roosevelt (come i «Southern Agrarians» e i «Fuggiaschi»), tesi a contrastare il dominio critico e ideologico della Nuova Inghilterra.

Il tentativo della Nuova critica era di liberare il testo dal riferimento al contesto storico in cui era nato, considerarlo in modo separato rispetto alla storia dell’autore, alla sua poetica e alle sue intenzioni per far conquistare alla critica del testo una nuova oggettività.

Figure legate al New Criticism includono Robert Penn Warren, William Empson e Thomas Stearns Eliot.

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura