Neofito di Nicea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Neofito di Nicea

martire

Nascita  ?, Nicea
Morte 310,
Venerato da Chiesa cattolica
Canonizzazione pre canonizzazione
Ricorrenza 20 gennaio
Attributi colomba bianca

Neofito di Nicea (Nicea, ... – 310) è stato un santo romano.

È venerato come santo dalla Chiesa cattolica che lo ricorda l'20 gennaio.

Neofito nacque nella città di Nicea in Bitinia, da genitori cristiani. La sua agiografia narra che quando era ancora piccolo colomba bianca miracolosamente apparve alla madre e li disse del percorso che avrebbe seguito. Neofito lasciò la sua casa e seguì la colomba in una grotta. Il santo vi rimase dall'età di nove anni fino all'età di quindici anni, lasciando solo una volta di seppellire i genitori e distribuire i loro averi ai poveri.

Durante la persecuzione Galerio intorno al 310, si recò a Nicea per denunciare l'empietà della fede pagana. I persecutori infuriati lo hanno frustato con cinghie di bue, e raschiarono il suo corpo con artigli di ferro. Poi lo hanno gettato in un forno rovente, ma il santo martire rimasero illesi, trascorso tre giorni e tre notti in esso. I torturatori, non sapendo cos'altro fare con lui, decisero di ucciderlo. Uno dei pagani lo trafisse con la spada (alcuni dicono che era una lancia), e il santo morì al Signore all'età di sedici anni[1].

Il Martirologio Romano dice: A Nicea in Bitinia, nell'odierna Turchia, san Neo'fito, martire.

Note[modifica | modifica wikitesto]