Nadab e Abiu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La morte di Nadab e Abiu in un'illustrazione di James Tissot

Nadab e Abiu (in ebraico נדב, Nadav, e אביהוא, Abihu) sono i due primi figli di Aronne, il primo sommo sacerdote ebraico, e di sua moglie Elisabetta, e furono tra i primi sacerdoti di Israele (Es6:23;28:1[1])[2][3].

In Es24:9-10[4], assieme al padre, a Mosè e ad altri settanta anziani, Nadab e Abiu vedono il Signore sul monte Sinai; successivamente, come narrato in Lv10:1-22[5], i due offrono a Dio in sacrificio un "fuoco illegittimo", contravvenendo alle sue istruzioni, e per tale motivo il Signore li consumò all'istante con il fuoco[2][3]. Mosè raccomandò ad Aronne e ai suoi due figli superstiti, Eleazaro e Itamar, di non portare il lutto, permettendolo invece al resto della comunità; Eleazaro e Itamar presero il posto di Nadab e Abiu come sacerdoti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Es 6:23;28:1, su laparola.net.
  2. ^ a b Holman References, pp. 1, 60.
  3. ^ a b (EN) NADAB, su Bible History Online. URL consultato il 18 agosto 2015.
  4. ^ Es 24:9-10, su laparola.net.
  5. ^ Lv 10:1-22, su laparola.net.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibbia Portale Bibbia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bibbia