Motore anteriore e posteriore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A: Motore
B: Trazione

Per autovettura a motore anteriore e posteriore o a doppio motore s'intende un'automobile con due motori della stessa tipologia, quindi da non confondere con il veicolo ibrido.

Disposizione[modifica | modifica wikitesto]

In questi veicoli, uno dei motori è montato nello spazio che intercorre tra l'abitacolo ed il paraurti, mentre l'altro è montato a sbalzo (cioè subito dietro l'asse posteriore) sul retrotreno.

Una variante è il doppio motore disposto in un unico alloggiamento (anteriore o posteriore), come nel caso dell'uso di due motori motociclistici.

Impiego[modifica | modifica wikitesto]

Questa soluzione è usata per vetture a impiego speciale e generalmente del tipo 4x4, come le competizioni, un esempio è la Citroën 2CV Sahara, ma anche veicoli di produzione artigianale[1], un altro impiego è stato nella Pikes Peak International Hillclimb con le Suzuki Cultus e Suzuki Escudo fino al 1995[2].

Vantaggi e svantaggi[modifica | modifica wikitesto]

I vantaggi di questa disposizione sono: impiegata sulle automobili per uso speciale

  • Poter usare due motori uguali senza dover riprogettarne uno nuovo

Gli svantaggi:

  • Con questa soluzione si ha una maggiore difficoltà nella gestione del cambio, che può essere messo in sincronizzazione (ogni motore ha un cambio e sono azionati in contemporanea) o integrato (i motori hanno un unico cambio).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]