Motore a combustione esterna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Schema del motore alternativo a vapore sviluppato da Watt

Il motore a combustione esterna è una tipologia di macchina motrice in cui il combustibile viene utilizzato per riscaldare un fluido di lavoro, attraverso il quale si realizza la conversione dell'energia termica in lavoro meccanico. Appartengono a questa categoria il motore a vapore (alternativo e rotativo cioè turbina a vapore) e il motore Stirling.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

A parità di potenza, un motore a combustione esterna, è in genere, più ingombrante e pesante di un motore a combustione interna, perché deve contenere uno scambiatore di calore utilizzato per riscaldare il fluido di lavoro. Per contro, è più efficiente ed è meno critico relativamente al carburante da utilizzare. Inoltre la temperatura e la pressione relativamente basse della combustione portano ad una minore formazione di inquinanti (quali gli ossidi di azoto).

In un motore a combustione esterna, importante che tale combustione è continua, uniforme, e quindi avviene nelle condizioni che possono essere considerate ottimali, con rapporto ottimale tra combustibile e comburente, riducendo al massimo gli incombusti che si hanno invece nei transitori di combustione (scoppi) dei motori endotermici a più tempi.

Nel caso di fluidi combusti con continuità, a bassa velocità di combustione, come in un generatore di vapore con motore a vapore, il complesso è molto più silenzioso di un motore a combustione interna, infatti non ci sono scoppi; in caso di fluidi combusti ad alta velocità, dove la velocità dei gas è elemento primario di produzione di spinta/energia si ha la più alta rumorosità (assoluta) per un motore (come dei motori a getto).

La turbina a vapore e il motore alternativo a vapore sono motori a combustione esterna. In queste macchine il calore ottenuto bruciando in generatore di vapore il combustibile, è utilizzato per portare l'acqua allo stato di vapore ad alta pressione. L'energia di pressione posseduta dal vapore viene trasformata in energia di movimento utilizzata per far muovere i pistoni di un motore, o per trasformazione cinetica urtano le palette della turbina e la mettono in rotazione. all'albero motore successivamente ri raccoglie la potenza meccanica.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]