Mora Romagnola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mora Romagnola
Specie Pig s3.png Maiale
Pigs (149776994).jpg
Localizzazione
Zona di origine Romagna
Diffusione soprattutto nelle province di Forlì-Cesena e Ravenna
Aspetto
Altezza 80 - 90 cm
Peso 250 - 300 kg
Mantello nero focato con setole lunghe e robuste
Allevamento
Utilizzo da carne
Prole media 7 suinetti

La Mora Romagnola è un'antica razza suina autoctona italiana che ha la sua zona d'origine in Romagna (particolarmente nelle provincie di Forlì-Cesena e Ravenna).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In origine, ne esistevano tre varianti: la diffusissima Forlivese (manto nerastro con tinte più chiare nella regione addominale), la Faentina (mantello rosso chiaro e meno pregiata della prima), e la Riminese (mantello rossastro con una stella bianca in fronte e qualche volta con una cinghiatura chiara)[1].

Caratteristiche e morfologia[modifica | modifica wikitesto]

La Mora Romagnola è caratterizzata, oltre ad una folta peluria scura, dalla testa lunga a profilo rettilineo con grugno forte appuntito, orecchie pendenti dirette in avanti che coprono occhi e grugno, tronco lungo e costato depresso. I maschi, sulla linea dorso-lombare, hanno setole più lunghe e folte (la cosiddetta «linea sparta»).

La razza è di tipo tardivo, raggiungendo un peso di 180-200 chilogrammi in 2 anni di vita. Particolare il fatto che le scrofe siano più alte al garrese dei verri[1]. Un'altra caratteristica è che gli occhi sono a mandorla[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Scheda sulla razza Mora Romagnola da agraria.org
  2. ^ Domanda enunciata nella trasmissione tv L'Eredità, nella puntata del 25 ottobre 2010.