Monofosfuro di calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monofosfuro di calcio
Struttura del perossido di idrogeno, analoga a quella del monofosfuro di calcio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare CaP
Massa molecolare (u) 71,05
Aspetto solido nero
Numero CAS 39373-03-0
Numero EINECS 254-431-6
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua reagisce
Indicazioni di sicurezza

Il monofosfuro di calcio è il composto chimico di formula CaP. In condizioni normali è un solido nero. Reagisce con acqua e umidità rilasciando difosfano, un composto che si infiamma spontaneamente all'aria.

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Il monofosfuro di calcio si prepara trattando il fosfuro di calcio Ca3P2 con un eccesso di fosforo:[1]

4Ca3P2 + P4 → 12CaP

Struttura e proprietà[modifica | modifica wikitesto]

CaP ha una struttura cristallina molto simile a quella di Na2O2.[1][2] Il solido si può descrivere con la formula Ca2P2, essendo formato da ioni (Ca2+)2 e P24–. Il legame è ionico; i centri difosfuro portano una forte carica negativa e si possono protonare facilmente. In acqua si ha una reazione di idrolisi e il materiale rilascia difosfano (P2H4):

Ca2P2 + 4H2O → 2Ca(OH)2 + P2H4

Il difosfano si infiamma spontaneamente all'aria, e quindi CaP deve essere conservato al riparo da acqua, aria e umidità.

Il monofosfuro di calcio si decompone a circa 600 °C formando il fosfuro di calcio Ca3P2:

3CaP → Ca3P2 + 1/4 P4

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia