Misure di supporto elettronico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nell'ambito della guerra elettronica, con misure di supporto elettronico, o semplicemente supporto elettronico (in inglese electronic support measures o ESM), si intendono le azioni intraprese allo scopo di rilevare, intercettare, identificare, localizzare, registrare e/o analizzare fonti di irradiazione di energia elettromagnetica, al fine di riconoscere una minaccia immediata o di una pianificazione operativa a lungo termine[1].

Il supporto elettronico fornisce una fonte di informazioni richiesta per le decisioni che coinvolgono tattiche come la protezione elettronica o l'attacco elettronico, in sigla EP e EA, dai termini inglesi electronic protection e electronic attack.

Misure di sostegno electronico sono la raccolta di informazioni attraverso l'"ascolto" passivo delle radiazioni elettromagnetiche di interesse militare, in grado di fornire un primo rilevamento o la conoscenza dei sistemi stranieri, una raccolta di dati tecnici e operativi sui sistemi stranieri, e le informazioni di combattimento tattico che utilizzano questi dati. Le piattaforme di raccolta ESM possono rimanere in silenzio per via elettronica e rilevare e analizzare le trasmissioni radar al di là del campo di rilevamento radar a causa della maggiore potenza dell'impulso elettromagnetico rispetto a quello radar.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario de Arcangelis, Guerra, in Enciclopedia Italiana, V Appendice, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1992. URL consultato il 26 luglio 2022.