Miqwè di Siracusa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Miqwè di palazzo Bianca

Il miqwè di Siracusa è un antico bagno rituale ebraico sito in Ortigia. In realtà si deve parlare al plurale in quanto sono presenti due miqwè, uno presso palazzo Bianca in via Alagona e l'antro sotto la chiesa di S. Filippo Apostolo in via della Giudecca.

I miqwè[modifica | modifica wikitesto]

Il miqwè di Palazzo Bianca[modifica | modifica wikitesto]

Attraverso un vicolo che nel medioevo si chiamava rua delli bagni si accede ad un cortiletto che immette attraverso una scala in un ipogeo scavato a 10 metri di profondità per raggiungere la falda di acqua che alimenta i bagni. La terza rampa di scale immette attraverso una vaschetta lava piedi, (cioè l’ultimo scalino è scavato per formare un pediluvio), in una ampia sala quadrata di oltre cinque metri per lato con imponenti pilastri che sostengono una elegante volta centrale a crociera e a quattro voltine a botte sugli ambulacri laterali. Sul pavimento al centro del quadrato, si aprono tre vasche rituali disposte a quadrifoglio profonde 140 cm. colme di acqua che affluisce e defluisce attraverso le fessure della roccia. La quarta vasca porta tracce di delimitazione ma non fu mai scavata, forse per motivi di spazio. Vi si scende per mezzo di scalini scavati nella roccia, con l’utilizzo del doppio gradino laterale per consentire l’accesso e l’uscita dalla vasca. Nella sala si aprono tre minuscoli corridoi, due dei quali, dopo una brusca svolta ad angolo retto, realizzata per garantire la privacy del bagnante, conducono a due vasche rettangolari anch’esse delle misure canoniche. Nella sala un sedile scavato nel muro, probabilmente perché i fruitori potessero appoggiarvi i vestiti.

Sulla volta di uno dei quattro ambulacri infine si apre un grande camino verticale svasato all’imboccatura comunicante con la superficie, destinato all’aerazione, all’illuminazione e forse anche alla immersione delle stoviglie nuove, ma soprattutto, ritengo, per permettere di aggiungere acqua calda per elevare la temperatura dell’acqua della falda freatica, cosa che era consentita.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Scandaliato-N. Mulè, La Sinagoga e il bagno rituale degli ebrei di Siracusa, Giuntina 2002
  • G. Musotto-L. Pepi, Il bagno ebraico di Siracusa e la sacralità delle acque nelle culture mediterranee, Palermo 2014
  • A. Scandaliato-G. Mulè, Jewish Itineraries in Syracuse: the Synagogue and the Ritual Baths, Giuntina 2017.
  • A. Daniele Di Bagni, Cronaca di una scoperta, dal paradiso delle mele…al bagno ebraico di Siracusa, Siracusa 2016

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]