Miocardio stordito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il miocardio stordito (stunned myocardium) è una condizione patologica del cuore da non confondere con il miocardio ibernato. Sono entrambe forme fisiopatologiche di miocardio vitale. Il miocardio stordito è conseguenza di un episodio breve di ischemia acuta o di un'angioplastica e si risolve spontaneamente un periodo di tempo variabile tra poche ore e diverse settimane. Nel miocardio stordito dopo un episodio ischemico acuto (srd coronaria acuta) il tessuto torna normoperfuso ma il metabolismo rimane alterato. Di conseguenza anche in assenza di danno irreversibile (necrosi) la capacità contrattile è comunque ridotta. Lo standard per la diagnosi è la PET miocardica con fluorodesossiglucosio. Nelle aree stordite si avrà dunque captazione alterata. L'esame PET è fondamentale per distinguere un miocardio recuperabile da uno non recuperabile e consente quindi di stabilire se c'è riserva contrattile.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina