Melologo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il melologo (dal greco μέλος, mélos, melodia, e λόγος, lógos = parola) è un genere musicale nato nel XVIII secolo che unisce la musica con il parlato. In particolare, un melologo è un monologo nel quale i passaggi che hanno maggiore accento emotivo vengono sottolineati da un accompagnamento musicale. La musica serve anche per il passaggio tra un monologo e l'altro.

In Francia è detto mélodrame, in Inghilterra melodrama.

Questa forma di espressione drammatica ebbe, tra i suoi primi esemplari, il Pigmalione di Jean-Jacques Rousseau (composto nel 1762 e rappresentato per la prima volta nel 1770).[1]

Un esempio ottocentesco è il Lenore di Franz Liszt del 1858, melologo per voce recitante e pianoforte che presenta evidenti affinità con il contemporaneo Tristano e Isotta di Richard Wagner.

Tra i più importanti melologhi del XX secolo, l'Amphion di Arthur Honegger e la Perséphone di Igor Stravinskij.

Inoltre è anche un modo di "cantare" per cui la voce non canta ma parla seguendo delle inclinazioni alte e basse, con diminuendo e crescendo. È utilizzato da Arnold Schönberg nel brano Ein Überlebender aus Warschau Op. 46 e nel Pierrot Lunaire.

Nel panorama contemporaneo il melologo trova nell'audiolibro nuove possibilità. Uscendo dalle sale da concerto, i tempi si dilatano: Res Solaris. Il Ritorno dei benandanti, romanzo in musica del 2004 di Raul Lovisoni, ha una durata di circa 7 ore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Pygmalion, in MEMO – Voyagez à travers l'Histoire. URL consultato il 19 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica