Massimiliano di Celeia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Massimiliano di Celeia
Annabergkirche - Sulzbach-Rosenberg 045.JPG
Statua di san Massimiliano nella Wallfahrtskirche St. Anna auf dem Annaberg a Sulzbach-Rosenberg
 

Vescovo, Apostolo del Norico

 
Morte288
Venerato daTutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza12 ottobre
Patrono diDiocesi di Passavia, Diocesi di Linz

Massimiliano di Celeia, o Massimiliano di Lorch o di Pongau (Celeia, III secolo12 ottobre 288), è stato un vescovo romano, considerato l'apostolo della provincia romana del Norico. Egli fu martirizzato nel 288 (o nel 284) e la Chiesa cattolica lo considera un santo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La vita di Massimiliano è avvolta dalla leggenda e solo nel XIV secolo fu redatta una Vita Maximiliani che ricostruiva fatti storici e credenze popolari intorno a un personaggio che i fedeli consideravano santo da secoli.

Massimiliano sarebbe nato a Celeia nella provincia romana della Pannonia (nell'attuale Slovenia). Da adulto avrebbe fatto un pellegrinaggio a Roma: papa Sisto II lo avrebbe mandato a Lorch nella provincia romana del Norico. Qui lavorò come missionario nella seconda metà del III secolo e fondò la chiesa di Lorch di cui fu il primo vescovo.

Massimiliano sarebbe stato decapitato dal Prefetto romano dell'imperatore Numeriano dopo aver rifiutato di abbandonare il cristianesimo e sacrificare agli dei pagani.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Egli è ricordato il 12 ottobre (e in alcune località il 29 ottobre).

Martirologio Romano: "Nel territorio dell'odierna Austria, san Massimiliano, che si ritiene sia stato vescovo di Lorch".

Il suo culto risale almeno dall'VIII secolo, quando san Ruperto costruì una chiesa in suo onore a Bischofshofen nella valle di Salzach, e ha portato le sue reliquie lì. In seguito sono state trasferite a Passavia nel 985.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37819684 · GND (DE12320660X