Maschera di Agamennone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maschera di Agamennone
MascheraDiAgammenone.jpg
La maschera di Agamennone
Autoresconosciuto
DataXVI secolo a.C.
Materialeoro
UbicazioneMuseo archeologico nazionale, Atene

La Maschera di Agamennone è una maschera funebre in lamina d'oro rinvenuta nel 1876 a Micene dall'archeologo tedesco Heinrich Schliemann. È attualmente conservata presso il Museo archeologico nazionale di Atene.

Fu scoperta dall'archeologo tedesco sul volto di un corpo trovato nella tomba V. Schliemann credette di aver scoperto i resti del leggendario re acheo Agamennone, da qui il nome. Benché le recenti ricerche archeologiche abbiano stabilito che la maschera sia databile tra il 1550 e il 1500 a.C., periodo molto anteriore a quello in cui si crede sia vissuto il re, il nome con cui è nota la maschera è rimasto.

Malgrado la maggior parte degli studiosi propenda per la sua autenticità ,[1] lo studioso statunitense William M. Calder III negli anni settanta ha messo in dubbio l'originalità della maschera (perché molto più raffinata delle altre con le quali è stata trovata): sarebbe un falso commissionato dallo stesso Schliemann,[2] tesi ribadita recentemente da David A. Traill.[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questa maschera raffigura il volto di un uomo con barba. È costituita da una lamina d'oro con dettagli a sbalzo: i due fori presenti vicino alle orecchie indicano che la maschera veniva fermata sopra il volto del defunto per mezzo di una corda sottile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Behind the Mask of Agamemnon: Epilogue
  2. ^ Is the Mask a Hoax?
  3. ^ Insistent questions, articolo su "Archaeology" [Volume 52 Number 4, July/August 1999]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]