Mary Cavendish

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mary Cavendish, contessa di Shrewsbury (15561632), è stata una nobildonna inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era la figlia di Sir William Cavendish, che morì quando lei aveva circa un anno, e di sua moglie Bess di Hardwick. A detta di tutti, Mary ha ereditato una forte volontà di sua madre.

Dopo la morte del padre, sua madre si risposò con Sir William St. Loe, che, alla sua morte, gli lasciò tutti i suoi beni, facendo di lei una delle donne più ricche d' Inghilterra.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1568 sposò il fratellastro Gilbert Talbot, VII conte di Shrewsbury. Ebbero cinque figli:

  • George, (1575-1577);
  • Mary (1580-1649), sposò William Herbert, III conte di Pembroke;
  • Elizabeth (1582-1651), sposò Henry Grey, VIII conte di Kent;
  • John (1583);
  • Althea (1585-1654), sposò Thomas Howard, XXI conte di Arundel.

Prigionia[modifica | modifica wikitesto]

Anche se la sua famiglia era protestante, Mary si convertì al cattolicesimo. Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui lei aiutò finanziariamente la nipote Arbella Stuart nel 1610, con la consapevolezza che quest'ultima aveva intenzione di fuggire. Per questo è stata imprigionato nella Torre di Londra. Fu processata per il suo ruolo nella fuga e fu pesantemente multata, ma non venne rilasciata.

Dopo la morte di Arbella, Mary venne rilasciata. Tuttavia, pochi anni dopo, nel 1618, fu chiamata a testimoniare nel corso di un'inchiesta sulle voci che Arbella aveva segretamente dato alla luce un bambino. Mary rifiutò di testimoniare, ed è stato ricondotta alla Torre, dove rimase fino al 1623.

Controllo di autoritàVIAF (EN90511588 · LCCN (ENno2009086260
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie