Marocchino (cuoio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eucologe ou livre d'Eglise imprime par l'ordre de Monseigneur l'Archeveque de Rouen a l'usage de son diocese - rilegatura in marocchino di Nicolas-Denis Derome

Il marocchino è un tipo di cuoio pregiato ottenuto dalla concia di pelle di capra[1] o di montone, usando il tannino del sommacco o delle noci di galla con uno speciale trattamento che la rende morbida, lucida e variamente colorata con sostanze vegetali. Presenta una grana fine e irregolare. Data la sua resistenza ed eleganza e il suo costo elevato, veniva spesso utilizzato per legature pregiate[2]. Nel Cinquecento i libri più preziosi venivano spesso rivestiti con copertine in marocchino a grana fine[2]. Si diffuse anche per realizzare i portadocumenti di maggior pregio, tanto che in Francia è diventato sinonimo di portafoglio ministeriale[3].

Questo tipo di cuoio è riconoscibile dal caratteristico colore rosso[4], ed è usato nell'abbigliamento, soprattutto per calzature. Le scarpette rosse della celebre fiaba di Andersen erano di marocchino.

In lingua tedesca viene usato il termine Saffianleder dalla città di Safi, dove era prodotto o commercializzato il prodotto, mentre con Saffianstiefel si indicavano gli stivali di marocchino, considerati all'epoca molto eleganti. Dalla citazione fatta nel romanzo di Denis Diderot, La Religieuse (1750) venne usato come sinonimo di gigolò.

Metodo di lavorazione[modifica | modifica wikitesto]

Le pelli nel metodo tradizionale, molto risalente del tempo ed in auge prima dell'introduzione delle conce al cromo vengono trattate con calce, che determina l'eliminazione del pelo, poi trattate con tannini vegetali[5] e colorate con coloranti anch'essi vegetali. La lisciatura viene effettuata con crusca che assorbe l'eccesso di calce residua.

Una variante detta cuoio della Russia viene trattato con corteccia di betulla per rendere il prodotto resistente alle muffe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La pelle di capra viene considerata pregiata per le rilegature dei libri, ma viene considerata poco adatta per calzature.
  2. ^ a b Materiali, su braidense.it, Biblioteca Nazionale Braidense. URL consultato il 28 marzo 2015.
  3. ^ Les mauvaises langues ont vite fait d'affirmer que le Premier ministre sortant tentait d'acheter les bonnes grâces de Bart De Wever, dans le but d'obtenir le maroquin des Finances dans le futur gouvernement… Présidence européenne : Leterme informera De Wever mais pas Di Rupo, Le Soir, <www.lesoir.be>, 16 juin 2010
  4. ^ Marocchino, su grandidizionari.it, Grande Dizionario Italiano. URL consultato il 28 marzo 2015.
  5. ^ Le foglie di sommacco presentano oltre il 20% di tannini Treccani

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda