Lunedì nero del 1987

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'indice Dow Jones, nel periodo compreso tra il 19 luglio 1987 e il 19 gennaio 1988.

In finanza l'espressione lunedì nero si riferisce al 19 ottobre 1987, giorno in cui i mercati di tutto il mondo subirono un improvviso crollo in breve tempo.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

La prima vittima del crollo fu Hong Kong, seguito dall'Europa occidentale e dagli Stati Uniti: altri mercati, nel frattempo, avevano già subìto declinazioni per un margine significativo.

Negli USA, l'indice Dow Jones registrò una perdita del 22.61%.[1] Si trattò del peggiore crollo nella storia del mercato, ma il rischio di una nuova "Wall Street" fu rapidamente scongiurato.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E.S. Browning, Exorcising Ghosts of Octobers Past in The Wall Street Journal, Dow Jones & Company, 15 ottobre 2007, pp. C1-C2. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  2. ^ Un lunedì nero, come nel 1987, Corriere della Sera, 6 ottobre 2008. URL consultato il 23 febbraio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]