Lunedì nero del 1987

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grafico dell'indice Dow Jones, nel periodo dal 19 luglio 1987 al 19 gennaio 1988.

In finanza, l'espressione lunedì nero indica il 19 ottobre 1987: in quel giorno, i mercati dell'intero mondo subirono un'improvvisa discesa nell'arco di breve tempo.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il primo mercato colpito dal crollo fu Hong Kong,[1] cui seguirono l'Est Europa e gli Stati Uniti d'America.[2][3] Altri mercati avevano già subìto perdite per un margine rilevante.

L'indice americano Dow Jones registrò una perdita del 22,61 %.[4] L'improvviso crollo cagionò danni anche ai mercati italiani.[5]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

A livello di danni, il crollo risultò essere il più grave dell'intera storia economica.[6] Il rischio di una nuova "grande depressione" fu però rapidamente scongiurato, grazie alla ripresa.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Caos a Hong Kong Il Governo lancia un invito alla calma, la Repubblica, 20 ottobre 1987.
  2. ^ Guido Carli, Il male americano, la Repubblica, 20 ottobre 1987, p. 1.
  3. ^ Enrico Franceschini, Il grande tracollo di Wall Street, la Repubblica, 20 ottobre 1987.
  4. ^ E.S. Browning, Exorcising Ghosts of Octobers Past, in The Wall Street Journal, Dow Jones & Company, 15 ottobre 2007, pp. C1-C2. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  5. ^ Massimo Fabbri, Ridimensionate le tre 'Bin', la Repubblica, 20 ottobre 1987.
  6. ^ Massimo Fabbri, Il lunedì nero di Wall Street è diverso dal crollo del '29, la Repubblica, 2 dicembre 1987.
  7. ^ Un lunedì nero, come nel 1987, Corriere.it, 6 ottobre 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]