Lords of Knowledge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lords of Knowledge
Logo LoK (quadrato).png
Logo della terza edizione di Lords of Knowledge
Tipogioco di ruolo
AutoreMauro Spalletti
EditoreMauro Spalletti
1ª edizione1996
Altre edizioni2005 (2ª ed.)
2013 (3ª ed.)
Regole
N° giocatori2+
SistemaNew LoK System
AmbientazioneFantasy/Fantascienza

Lords of Knowledge è un gioco di ruolo da tavolo italiano scritto da Mauro Spalletti liberamente scaricabile da Internet.

Nato nel 1996 ed in rete dal 1997[1][2], è uno dei primi giochi di ruolo amatoriali in italiano apparsi in rete[3][4][5], ed il più longevo.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è ambientato in un mondo dove fantasy e tecnologia si fondono[6] in un ibrido che lascia ai giocatori e soprattutto al master la possibilità di ricreare un'ampia gamma di situazioni, dalla ricerca di un antico monile magico al combattimento a bordo di giganti meccanici.

In un contesto medioevale viene rinvenuta una cittadella inumata dal tempo contenente tutto il sapere di un'antica civiltà. L'evento viene battezzato La Rivelazione di Dolgas, e da quel momento la storia cambia il suo corso. L'Imperatore istituisce la Corporazione delle Scienze, un organo con lo scopo di analizzare gli archivi della cittadella. In breve tempo, forti delle conoscenze acquisite, i vertici della Corporazione impongono con la forza il loro volere all'Imperatore, che di fatto diventa un loro fantoccio.

I Custodi dei Rituali, che rappresentano il principale organismo religioso del mondo conosciuto, decidono di intervenire per arginare il potere della Corporazione. Penetrano nella cittadella e trafugano gran parte degli archivi. Quindi, per evitare che i divari tecnologici possano causare lo sfruttamento delle nazioni meno progredite, diffondono copie degli archivi in tutte le nazioni.

In breve il dominio della Corporazione crolla, e l'Imperatore viene liberato. Ma le azioni dei Custodi non hanno le conseguenze sperate: invece di entrare in un periodo di pace e di uguaglianza, chiunque disponga di una copia degli archivi della cittadella si impegna in una corsa agli armamenti sempre più devastanti per imporsi sul vicino, gettando il mondo sull'orlo del caos.

Magia[modifica | modifica wikitesto]

Fino alla Rivelazione di Dolgas le uniche forme di magia conosciute erano le Invocazioni praticate dagli Sciamani e i Rituali Naga dei Custodi dei Rituali, questi ultimi appartenenti alla classe religiosa.

Lo studio dei reperti rinvenuti sotto Dolgas riportano in vita la Psicoscienza, ossia lo studio delle interazioni tra mente e materia. In pratica una disciplina che permette lo sviluppo delle facoltà paranormali, mal vista sia dagli Sciamani che dai Custodi.

Sistema di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Le meccaniche di gioco intendono essere allo stesso tempo semplici e realistiche, anche se l'applicazione delle regole opzionali può appesantire il sistema.

A partire dalla seconda edizione, al posto delle consuete classi, è usato il concetto di archetipi, che forniscono un'impostazione iniziale del personaggio senza però vincolarlo nella sua evoluzione.

Il regolamento della terza edizione è una semplificazione dei precedenti. Molti valori tabellari sono stati rimossi o semplificati, e mentre nelle precedenti edizioni si usava un dado percentuale per effettuare i test, nella terza tutti i valori sono stati adattati al dado da 20 facce.

La risoluzione delle azioni avviene sommando il risultato di un dado da 20 facce al valore della caratteristica e dell'abilità utilizzate. Il risultato ottenuto deve superare un valore di difficoltà dipendente dal tipo di azione intrapresa o, se si tratta di un testa a testa, il risultato ottenuto dall'opponente.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione del gioco viene distribuita via web da febbraio 1997[7] sulla rubrica "Il Vaso di Pandora" del "Labirinto Maledetto"[1], l'allora sito ufficiale del Club TreEmme, dove viene erroneamente chiamato "Lords of Creation". Dopo circa un mese viene inaugurato il primo sito web dedicato al gioco[2][8]. Il materiale era disponibile sotto forma di pacchetti zip contenenti documenti scritti in Windows Write[1][8].

La seconda edizione è stata presentata in anteprima alla ModCon del 2000[9]. In questa edizione sparisce il concetto di classe a favore dell'archetipo. L'ambientazione viene approfondita e collocata cronologicamente più vicino alla Rivelazione di Dolgas, riducendo di conseguenza il livello tecnologico. La diffusione delle armi da fuoco è quasi assente per ragioni etiche e politiche.

La terza edizione è stata annunciata ufficialmente il 26 marzo 2013[10] dopo un lungo periodo di revisione. Introduce un regolamento completamente rinnovato ed esteso. Il manuale, disponibile in PDF, contiene le illustrazioni concesse a titolo gratuito da alcuni artisti attivi su DeviantArt e CGHub. Questa edizione, realizzata con OpenOffice e GIMP, è distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo (CC BY-NC-SA) 3.0.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Maurizio Puviani, Lords of Creation, su Il Vaso di Pandora, Club TreEmme, febbraio 1997. URL consultato l'8 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 1997).
  2. ^ a b Mauro Spalletti, Nuova HP, su Google Gruppi, 26 marzo 1997. URL consultato il 21 ottobre 2018.
  3. ^ Max Lambertini, GDR Gratuito: Lords of Knowledge, su Roleplaying.it, 25 settembre 2000. URL consultato il 20 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2001).
  4. ^ The Keeper, Giochi di Ruolo Gratuiti, su I Coboldi Berserker. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  5. ^ Michele Bonelli Di Salci, Appendice: Giochi di Ruolo in italiano 4.0, su Newsgroup Archive, it.hobby.giochi.gdr, 1° maggio 2005. URL consultato il 21 ottobre 2018.
  6. ^ Andrea Castellani, Domenico Pitrelli e Luca Carlo Giuliano, Implicazioni scientifiche e tecnologiche nella pratica dei giochi di ruolo (PDF) (tesi), Trieste, SISSA, febbraio 2011, p. 31. URL consultato il 22 ottobre 2018. Ospitato su SISSA Preprints Archive.
  7. ^ Maurizio Puviani, Nuove Stanze, su Il Labirinto Maledetto, Club TreEmme, Febbraio 1997. URL consultato l'8 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 1997).
  8. ^ a b Mauro Spalletti, Lords of Knowledge, su Lords of Knowledge, marzo 1997. URL consultato il 19 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 1997).
  9. ^ Eventi, su MODcon2K. URL consultato il 20 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2001).
  10. ^ Mauro Spalletti, La Terza Edizione esiste, su Marahan - Il blog ufficiale di Lords of Knowledge, 26 marzo 2013. URL consultato il 20 ottobre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Lords of Knowledge sito ufficiale di Lords of Knowledge.
  • Marahan blog con racconti ed elementi di ambientazione su Lords of Knowledge.
Giochi di ruolo Portale Giochi di ruolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giochi di ruolo