Logica formale e trascendentale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logica formale e trascendentale
Titolo originale Formale und transzendentale Logik. Versuch einer Kritik der logischen Vernunft
Autore Edmund Husserl
1ª ed. originale 1929
Genere saggio
Sottogenere filosofia
Lingua originale tedesco

Logica formale e trascendentale (titolo originale: Formale und transzendentale Logik. Versucht einer Kritik der logischen Vernunft) è un libro del filosofo Edmund Husserl pubblicato ad Halle nel 1929, nel decimo volume dello "Jahrbuch für Philosophie und phänomenologische Forschung" e, sempre nello stesso anno, in un volume autonomo presso l'editore Niemeyer. Quest'opera rappresenta il tentativo di fondare (ma anche elaborare) la logica formale. Tale fondazione deve, per il filosofo moravo, poggiare sulla logica trascendentale, cioè su quell'aspetto più soggettivo della logica che consiste nella genesi dei giudizi dall'esperienza. Il metodo adoperato è quindi la fenomenologia pura dei "vissuti" del pensiero e della conoscenza.[1]

L'idea di comporre questo testo nasce in Husserl dall'esigenza di restituire alla logica, intesa come disciplina filosofica, il suo ruolo di garante dei principi di tutte scienze nonché di espressione del "senso vero della scienza in generale",[2] affidandole quindi il compito di unificare i saperi che il pensiero moderno e la necessità di specializzazione andavano disperdendo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prefazione di Enzo Paci all'edizione italiana dell'opera.
  2. ^ Edmund Husserl, Logica formale e trascendentale, Milano-Udine, Mimesis, 2009, p. 26, ISBN 978-88-8483-843-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia