Lingula (zoologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lingula
Lingula anatina 7.JPG
Lingula anatina
Intervallo geologico
cambriano-recente
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Brachiopoda
Subphylum Rhynchonelliformea
Classe Linguliformea
Ordine Lingulida
Famiglia Lingulidae
Genere Lingula
Bruguière, 1791

Lingula Bruguière, 1791[1] è un genere di Brachiopodi appartenente alla famiglia Lingulidae (di recente istituzione; precedentemente era inglobato nella classe Inarticulata) .

Fossile vivente[modifica | modifica wikitesto]

Lingula comprende alcune specie fossili oltre a rappresentanti tuttora viventi, considerati veri e propri fossili viventi, dato che nel corso degli ultimi 400 milioni di anni non hanno subito trasformazioni morfologiche[2]. Si ritrovano fin dal Cambriano (periodo iniziato 540 milioni di anni fa e durato 35 milioni di anni) e presentano un'evoluzione caratterizzata da lentissimi cambiamenti nel corso di un tempo molto lungo. Questa caratterizzazione come fossile vivente è però superata, dato che è basata unicamente sulla forma della conchiglia, che corrisponde ad un modo di vita interrato in una tana, mentre la struttura interna dell'animale si è evoluta nel corso delle ere[1].

Descrizione e modo di vita[modifica | modifica wikitesto]

La conchiglia è piccola e stretta, di forma allungata; il guscio è piuttosto sottile e formato da lamine di chitina e di fosfato di calcio. Le due valve simmetriche sono leggermente convesse e l'ornamentazione esterna è costituita solo da linee di accrescimento concentriche, poco accentuate[2]. Gli esemplari viventi di Lingula vivono in ambienti litorali, entro gallerie verticali scavate nei substrati molli, in cui si infossano per mezzo di un peduncolo retrattile. Si pensa che la primitiva comparsa di questi brachiopodi sia dovuta alla colonizzazione di ambienti difficili (acque salmastre e povere di ossigeno), in cui vi era scarsa competizione da parte di altri organismi: tale specializzazione, forse, è una delle ragioni primarie della loro stasi evolutiva. Tuttavia, alcune specie fossili vivevano anche in ambienti di piattaforma e di bacino, per cui l'utilizzo di questo genere quale indicatore paleoambientale è oggi piuttosto limitato.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Emig, Christian C., On the history of the names Lingula, anatina, and on the confusion of the forms assigned them among the Brachiopoda (PDF), in Carnets de Géologie [Notebooks on Geology, agosto 2008. URL consultato il 16 luglio 2015.
  2. ^ a b (DE) Erich Thenius, Lebende Fossilien : Oldtimer der Tier- und Pflanzenwelt ; Zeugen der Vorzeit, Pfeil, 2000. URL consultato il 9 gennaio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • J. G. Bruguière, Tableau Encyclopédique et Méthodique des trois Règnes de la Nature : vers, coquilles, mollusques et polypes divers, Parigi, Panckoucke, 1791.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]