Lingua vallone unificata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vallone unificato
Rifondou walon
Parlato inBelgio Belgio
Francia Francia
Lussemburgo Lussemburgo
Locutori
Totale600.000
Tassonomia
FilogenesiIndoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Romanze occidentali
    Galloromanze
     Lingua d'oïl
      Vallone
Codici di classificazione
ISO 639-1wa
ISO 639-2wln
ISO 639-3wln (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Tos les omes vinèt-st å monde libes, et sol minme pî po çou k' end est d' leu dignité et d' leus droets. I n' sont nén foû råjhon et-z ont i leu consyince po zels, çou k' elzès doet moenner a s' kidure onk po l' ôte tot come des frés.

Il vallone unificato (rifondou walon e in Francese wallon unifié od orthographe wallonne commune) è una nuova tipologia ortografica della lingua vallone, una lingua romanza parlata in Vallonia (sud del Belgio). È in contrapposizione all'antica tipologia, chiamata Sistema Feller[1].

È utilizzato, praticamente, negli stessi luoghi in cui è parlato il vallone classico:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Sistema Feller era uno standard ortografico fonetico, ma aveva lo svantaggio che variava da una regione all'altra, a seconda dei diversi dialetti e patois che componevano la Vallonia. L'ortografia vallone unificata è stata pensata in senso opposto: la stessa parola viene scritta nello stesso modo in tutta la zona vallone, anche se si pronuncia diversamente da un luogo ad un altro.

Non è una lingua unificata, poiché tutti continuano a parlare vallone secondo le variazioni locali.

Il vallone unificato si basa su diasistemi, lettere o gruppi di lettere la cui pronuncia può variare da una regione all'altra e addirittura da un villaggio all'altro. Con questi diasistemi, una parola scritta alla stesso modo potrà essere anche pronunciata allo stesso modo in tutta la Vallonia[1][2].

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Scrittura Liegi Namur-Charleroi
xh H ch
jh H j
ea ê ia
ae ê a

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Jean Cayron, Mi copiutrece cåze walon, sul giornale Li Rantoele l° 47, 2008
  2. ^ Digraphes "artificiels" en wallon unifié - L'Atelier, su aphil.forumn.org. URL consultato il 30 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2016).

Bibliografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni testi in lingua vallone unificata

  • Lucien Mahin; Eviè nonne
  • Laurent Hendschel; So l'anuti
  • Yannick Bauthière; traduzione di Gaston Libiestreye (Gaston Lagaffe) n° 10

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]