Lingua isolante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Una lingua isolante è una lingua quasi totalmente priva di morfologia[1]; detto altrimenti, i suoi termini son quasi totalmente privi di declinazioni e flessioni.

Indicando il morfema come la minima unità che definisca un significato (come prefissi e desinenze), ne consegue che nelle lingue isolanti le parole non sono scomponibili in unità morfologiche più piccole. Queste lingue non si esprimono tramite modificazione delle parole, bensì attraverso la posizione che esse occupano all'interno della frase.

Una diffusa lingua isolante è il cinese. Da notare che anche l'inglese, storicamente flessivo sintetico, nella sua evoluzione ha sviluppato spiccate caratteristiche isolanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Graffi e Sergio Scalise, Le lingue e il linguaggio, 2° ed, Bologna, Il Mulino, 2006, p. 65, ISBN 8815095799.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica