Lex Fabia de plagiariis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Lex Fabia de plagiariis è una lex publica romana di epoca incerta, risalente molto probabilmente al I secolo a.C., e successiva al 90 a.C. Risulta certamente conosciuta da Cicerone che nel 63 a.C. la cita nella sua orazione Pro C. Rabirio perduellionis reo (3,8). Essa introdusse e disciplinò, in due capi, il crimen di plagium.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lex Fabia de plagiariis in Dizionari Simone Online.