Levi Sherwood

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Levi Sherwood (Nuova Zelanda, 22 ottobre 1991) è un pilota motociclistico neozelandese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato "Rubber Kid"(ragazzo di gomma).[1]

Dave Sherwood, padre di Levi, era un pilota professionista di Speedway, ed il figlio è cresciuto nell'ambiente. Da adolescente inizia cimentandosi nel motocross, per poi appassionarsi al Freestyle Motocross.[2]

Ha vinto il suo primo Red Bull X-Fighters a Città del Messico nel 2009, all'età di 17 anni. Attualmente gareggia nello stesso tour. Vince la sua seconda competizione nel 2010 a Mosca, e la terza a Londra.[3]

Diventa campione mondiale del X-Fighters nel 2012. Nel 2014 ottiene la sua ultima vittoria a Città del Messico.[4][5][6]

Levi ha anche partecipato agli X Games, e nel 2010 ha vinto la medaglia d'argento nel Freestyle, perdendo per un solo punto da Travis Pastrana.[7]

Notes[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Red Bull X-Fighters World Tour 2009 Calgary, in: Al-Bawaba; June 14, 2009 Sunday 9:42 AM EST
  2. ^ Demons in town for final ride, in: Waikato Times (Hamilton, New Zealand); March 2, 2007 Friday
  3. ^ Levi's kiss of death turns tables, in: The Evening Standard (Palmerston North, New Zealand); March 17, 2014 Monday
  4. ^ Logra Sherwood faena; Motos. Neozelandés domina en la presentación de los X-Fighters en la Plaza México, by Édgar Vargas, in: SUPLEMENTO DEPORTES; Pág. 15, Mural (Mexico); March 21, 2014 Friday
  5. ^ Motocrosser at top of his game in high-altitude Mexico, in: The Evening Standard (Palmerston North, New Zealand); March 17, 2014 Monday
  6. ^ Peter Lampp, Motocrosser at top of his game in high-altitude Mexico, Manawatu Standard, 17 marzo 2014. URL consultato il 27 settembre 2014.
  7. ^ Pastrana back on X Games podium, in: Edmonton Journal (Alberta); July 30, 2010 Friday, Final Edition

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The 50 coolest Kiwis ever (+photos), in: The New Zealand Herald, April 19, 2014 Saturday

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]