Letteratura dell'Africa di lingua portoghese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le letterature dell'Africa di espressione portoghese (o letterature dell'Africa lusofona) sono l'insieme delle manifestazioni di carattere letterario prodotte in quei paesi dell'Africa in cui il portoghese è lingua ufficiale (Capo Verde, Guinea-Bissau, São Tomé e Príncipe, Angola e Mozambico)[1].

La letteratura in Angola[modifica | modifica wikitesto]

L'Angola è forse lo stato africano di lingua ufficiale portoghese con la più estesa produzione letteraria. Tra gli autori angolani ricordiamo:

La letteratura in Mozambico[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli autori mozambicani, ricordiamo

La letteratura a Capo Verde[modifica | modifica wikitesto]

L'arcipelago di Capo Verde, malgrado le ridotte dimensioni geografiche e anche demografiche del Paese, ha avuto fin dai tempi del colonialismo una discreta produzione letteraria. Il romanzo Chiquinho di Baltasar Lopes, scritto durante la dominazione coloniale ed assurto a simbolo della letteratura coloniale, ne è una prova.

Capo Verde è la patria di Arménio Vieira, premio Camões 2009, e dell'affermato scrittore Germano Almeida, autore del fortunato Testamento del signor Napumoceno da Silva Araújo.

La letteratura a São Tomé e Príncipe[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli autori di questo paese, ricordiamo:

La letteratura in Guinea-Bissau[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli autori guineani, ricordiamo:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recentemente, la Guinea Equatoriale ha adottato il portoghese come lingua ufficiale, accanto al francese e allo spagnolo, ma per quanto concerne la letteratura, tale paese non è da intendere come facente parte dell'Africa lusofona, poiché non dispone di una produzione letteraria in portoghese.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura