Leges Genuciae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Leges Genuciae furono delle leggi romane proposte nel 342 a.C dal tribuno della plebe Lucio Genucio.

La Lex Genucia de feneratione prevedeva che il prestito a interesse fosse proibito. A Roma l'usura era molto diffusa, poiché la città era un importante centro di scambi commerciali e si cercò più volte di ridurre i tassi d'interesse, ma solo la Lex Genucia limitò il problema.

La Lex Genucia de magistratibus prevedeva il divieto di ricoprire due cariche nello stesso tempo e sanciva che non si potesse ricoprire la stessa carica prima che fossero trascorsi dieci anni dalla prima elezione. Questa legge prevedeva anche che uno dei consoli fosse plebeo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]