Lama a spaccare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La lama a spaccare (o lama a nastro) è un tipo di lama impiegato in diversi ambiti, tra i quali il comparto conciario, il comparto della gomma, dei materiali espansi e del sughero, quello calzaturiero e della pelletteria, e quello cartario.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

La lama a spaccare viene prodotta in differenti dimensioni (lunghezza, larghezza e spessore) in base alla macchina sulla quale deve essere montata e con caratteristiche tecniche che differenziano la qualità del prodotto stesso (lama).

La lama può essere sia saldata e bisellata, dentata non rettificata, sia lavorata/rettificata su entrambe le facce ed i bordi, con pre-affilatura fatta ad utensile o a mola.

La lama a spaccare può essere costruita in varie dimensioni, mediamente con una lunghezza che varia da 1000 ad oltre 15 000 mm, una larghezza compresa tra 10 e 110 mm. ed uno spessore da 0,40 a 1,0 mm.

Ambiti di applicazione ed uso[modifica | modifica wikitesto]

Conceria[modifica | modifica wikitesto]

In ambito conciario la lama a spaccare permette di dividere/spaccare, nello spessore, la pelle e i tessuti. Il prodotto finale della spaccatura sono la crosta ed il fiore (parte interna ed esterna) della pelle.

Possono essere utilizzate su qualsiasi tipo di materiale che debba essere spaccato nello spessore:

Nel settore delle concerie, le lame a spaccare vengono utilizzate nelle seguenti lavorazioni: wet blue, trippa, secco, wet white e altre conce.

In questo settore vengono prevalentemente usate le lame rettificate su entrambe le superfici e sui bordi sia per garantire la migliore spaccatura che significa la costanza nello spessore della pelle prodotta/spaccata (rettifica facciate), sia per garantire la massima rettilineità durante il processo di spaccatura (bordo); la lama deve girare il più stabilmente possibile senza generare alcuna oscillazione che creerebbe difetti sulla pelle. Le lame, inoltre, vengono fornite prevalentemente pre-bisellate per ridurre i tempi di messa in opera una volta montate sulla macchina a spaccare.

Gomma, sughero ed espansi[modifica | modifica wikitesto]

In ambito di produzioni legate alla gomma e al sughero le lame a spaccare posso essere utilizzate su qualsiasi tipo di materiale che debba essere spaccato nello spessore:

  • gomma (eccetto gomme vulcanizzate)
  • caucciù
  • sughero
  • materiali espansi

In questo settore vengono usate lame a seconda dell'utilizzo, della macchina, del materiale e della precisione del taglio/spaccatura sul prodotto finito.

Pellami[modifica | modifica wikitesto]

Nelle produzioni legate alla pelletteria e calzaturiero, la lama a spaccare permette di dividere/spaccare ed ugualizzare o “sbassare” la pelle nello spessore, per migliorare la qualità del prodotto finito.

Il prodotto finale della lavorazione, ugualizzatura o “sbassatura”, è la pelle pronta per il montaggio della scarpa o della pelletteria (es. borse, portafogli, cinture, ecc…). Le pelli utilizzate dal settore calzaturiero e della pelletteria sono sempre pelli finite e in secco.

In questo ambito, le lame a spaccare possono essere utilizzate su qualsiasi tipo di materiale che debba essere spaccato nello spessore:

  • pelle
  • tessuto - fodere
  • gomma - suolette
  • anime in cartone

Nel settore calzaturiero e della pelletteria vengono prevalentemente usate le lame rettificate su entrambe le superfici e sui bordi sia per garantire la migliore spaccatura, che significa la costanza nello spessore della pelle prodotta/spaccata (rettifica facciate ), sia per garantire la massima rettilineità durante il processo di spaccatura (bordo); la lama deve girare il più stabilmente possibile senza alcuna oscillazione, ogni minima oscillazione crea difetti sulla pelle. Le lame inoltre vengono fornite prevalentemente pre-bisellate per ridurre i tempi di messa in opera una volta montate sulla macchina a spaccare.

Carta[modifica | modifica wikitesto]

La lama a spaccare si usa anche nel settore della carta e permette di dividere/spaccare, nello spessore, il materiale, per esempio bobine di carta (da quella igienica a quelle ad uso industriale, rotoloni per casa, ecc…)

In queste produzioni, il prodotto finale ottenuto dalla spaccatura:

  • Carta settore industriale: rotoloni, bobine ecc, per usi igienici: fazzoletti, carta igienica, rotoloni per cucina.

In questo settore vengono usate lame in base all'utilizzo, alla macchina, al materiale ed alla precisione del taglio / spaccatura richiesti sul prodotto finito.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]