La lezione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La lezione
Opera teatrale in un atto
Autore Eugène Ionesco
Titolo originale La Leçon
Lingua originale Francese
Genere Teatro dell'assurdo
Ambientazione Ufficio/sala da pranzo di un appartamento
Prima assoluta 1951
Personaggi
  • Professore
  • Allieva
  • Governante
 

La lezione (in francese: La Leçon) è un'opera teatrale in un atto unico scritta da Eugène Ionesco e rappresentata per la prima volta nel 1951 al Théâtre de Poche di Parigi. Dal 1957 continua ad essere rappresentata al Théâtre de la Huchette, in coppia con La cantatrice calva[1]. La lezione è stata riconosciuta da diversi critici come un'importante opera del cosiddetto teatro dell'assurdo. L'autore definisce il suo testo un "dramma comico".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'opera è ambientata nell'ufficio, adibito anche a sala da pranzo, di un piccolo appartamento francese. Il professore è in attesa di una nuova allieva, per impartirle delle lezioni di matematica, linguistica e filologia comparata, al fine di ottenere la libera docenza totale. La governante, una robusta donna di età tra i 40 e i 50 anni, si preoccupa della salute del professore e segue lo svolgimento delle lezioni. Mentre la lezione procede, carica di assurdo e di non-senso, nel professore va aumentando un senso di rabbia contro l'ignoranza dell'allieva, che al contrario di lui diventa sempre più silenziosa e mite. Anche la sua salute comincia a deteriorarsi, iniziando con un dolore ai denti, che diventa poi diffuso a tutto il corpo. Al culmine della pièce, l'allieva viene accoltellata e uccisa dal professore, dopo una lunga serie di non sequitur. L'opera si chiude tornando al punto di partenza, con la governante che saluta una nuova alunna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Théâtre de la Huchette | 23 rue de la Huchette 5e | Theatres | Time Out Paris
Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Teatro