La centrale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la società finanziaria italiana fondata nel 1925, vedi La Centrale.
La centrale
Titolo originaleLa Centrale
Centrale nucléaire de Chinon 2.JPG
La centrale nucleare di Chinon
AutoreÉlisabeth Filhol
1ª ed. originale2010
1ª ed. italiana2011
Genereromanzo
Lingua originale francese
AmbientazioneFrancia, anni duemila
ProtagonistiYann

La centrale è un romanzo francese, scritto da Élisabeth Filhol, pubblicato il 5 gennaio 2010 dall'editore P.O.L. e tradotto in italiano da Fazi nel 2011.

L'edizione francese ha ricevuto, nello stesso anno di pubblicazione, il Prix France Culture-Télérama[1].

Sinossi[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo descrive, attraverso gli occhi del personaggio principale (Yann), la vita quotidiana dei lavoratori interinali dell'industria nucleare francese. Una via scandita sul ritmo delle centrali nucleari (soprattutto le centrali di Chinon e del Blayais), tra pericolo, solitudine e precariato. Dipendenti salariati da imprese subappaltanti, questi nomades vivono in roulotte o in albergo, spostandosi da un sito all'altro in base alle esigenze dei cantieri di manutenzione, uniti tra loro da forti legami di solidarietà, ma logorati, sul filo dei mesi, dalla precarietà dell'esistenza e dallo stress lavorativo in un ambiente complesso, in cui la minaccia della contaminazione (di ricevere la «dose» massima, temuta perché li costringerà alla messa a riposo), è impalpabile ma sempre presente.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]