Korrigan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la nave-container francese, vedi Korrigan (nave).
Raffigurazione di un korrigan

Un korrigan (plur.: korrigans), chiamato in alcune zone anche poulpiquet, kormandon, kérion o ozégan[1][2], è una sorta di elfo malvagio della mitologia bretone.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola korrigan[1][2][3] significa letteralmente "piccolo nano". Il termine deriva infatti dal bretone korr, che significa "nano", con l'aggiunta del diminutivo -ig e del suffisso plurale -an.
Esiste anche la forma femminile korrigane.[1][3]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I korrigans vengono descritti come esseri estremamente piccoli, con una grossa testa[1] e lunghi capelli[4], vestiti con pelli di animali[4] e - nonostante le dimensioni - dotati di una grande forza fisica[1].
Nascono e muoiono sottoterra[1] e fanno la loro comparsa soprattutto di notte[1], ballando attorno ai dolmen[4]; hanno la fama di essere spregevoli, dispettosi e "ladruncoli".[1].
Tra i loro "habitat", vi è il Ménez-Hom (bret. Menez C'hom), il monte della Bretagna sacro ai Celti.[5]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcuni studiosi i korrigans erano i custodi di uno strumento musicale: il biniou. Secondo alcune leggende bretone un abitante di Saint-Léry ricevette in dono da una specie di folletto il biniou per ringraziarlo di averlo salvato da un annegamento. Quindi dal nome del salvatore, forse Korril, deriverebbe il nome di korrigan.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Gnomeland: Les korrigans
  2. ^ a b Les contes et les légendes bretonnes: Les Korrigans
  3. ^ a b Korrigan - Définition
  4. ^ a b c Légendes: Les Korrigans
  5. ^ A.A.V.V., Bretagna, Dorling Kindersley, London, 2003 - Mondadori, Milano, 2004, p. 150
  6. ^ http://www.es-conseil.fr/pramona/korrigan.html

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]