James while John had had had had had had had had had had had a better effect on the teacher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

     Had come soggetto

     Had come verbo ausiliare

     Had come participio passato

     Had come complemento oggetto

«James while John had had had had had had had had had had had a better effect on the teacher» è una proposizione grammaticalmente valida della lingua inglese, comunemente utilizzata per dimostrare l'ambiguità lessicale oppure la necessità di utilizzare la punteggiatura[1] per dare intonazione e pause nei discorsi.[2]

Negli studi sull'elaborazione umana la frase è utilizzata per mostrare quanto i segni di punteggiatura possano essere determinanti per dare un significato a una proposizione.[3]

L'enunciato descrive un episodio dove due studenti, James e John, stanno svolgendo un compito in classe d'inglese nel quale devono parlare di un uomo che, in passato, ha avuto un raffreddore. John scrive «The man had a cold», che nella lingua inglese è grammaticalmente scorretto; James, invece, scrive «The man had had a cold». Poiché la risposta di James era quella corretta, James ha avuto una migliore impressione sull'insegnante.

La proposizione, inoltre, può essere compresa meglio se vi vengono inseriti i segni di punteggiatura e quelli tipografici (virgolette):[4]

« James, while John had had «had», had had «had had»; «had had» had had a better effect on the teacher. »

In italiano si può tradurre così:

« James, mentre John aveva usato «ebbe», aveva usato «aveva avuto»; «aveva avuto» aveva avuto una migliore impressione sull'insegnante. »

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

La frase (naturalmente solo nei paesi anglofoni) può essere posta all'interlocutore come un puzzle grammaticale,[4][5][6] oppure può essere proposta in un compito in classe, dove il destinatario deve inserire correttamente i segni di punteggiatura per darle un significato.

Hans Reichenbach nel 1947 usò una frase simile («John where Jack...») per illustrare i livelli differenti del linguaggio, ossia il linguaggio e il metalinguaggio.[7]

Nelle ricerche questa frase è stata utilizzata per dimostrare quanto un segno di punteggiatura possa drasticamente cambiare il significato della frase: infatti qui, se si cambia il posto delle virgolette, si può decidere se l'insegnante preferisce il lavoro di James o di John.[8]

La frase è usata anche per indicare la vaghezza semantica della parola inglese «had», oppure per dimostrare la differenza fra dire una parola e scriverla.[9] Può essere anche usata per dimostrare la complessità interpretativa di una frase se non si è corretti nella sintassi.[10]

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel Regno Unito e negli Stati Uniti d'America[modifica | modifica wikitesto]

Nei paesi anglofoni è diffusa una seconda versione della proposizione, riproposta di seguito:

« -Okay- said the Bellman, whose head was in danger of falling apart like a chocolate orange, -let me get this straight: David Copperfield, unlike Pilgrim’s Progress, which had had «had», had had «had had». «Had had» had had TGC’s approval?-. »

In italiano la frase sopraccitata si può tradurre così:

« -Okay- disse il fattorino, la cui testa stava sul punto di disgregarsi come un'arancia al cioccolato -fammi capire una cosa: David Copperfield mise «aveva avuto», a differenza del Pilgrim’s Progress, che inserì «ebbe». «Aveva avuto» ha ottenuto il consenso del TGC?-. »

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

     Nome proprio (cognome)

     Verbo

     Complemento oggetto

     Esclamazione

Una versione italiana di questa frase è riportata di seguito:[11][12]

« Prese dove mise mise mise mise misero misero mise misero prese prese tre. »

È possibile rendere questa frase di senso compiuto se si considerano «Prese» e «Mise» come due cognomi. Infatti questi due studenti (che sono gli alter ego di James e John) fanno un compito in classe e Prese inserisce una parola sbagliata, mettendo «misero» al posto di «mise». Il compito è andato male, e fino a prova contraria Prese ha ottenuto un tre.[11][12]

La versione di senso compiuto di questa frase si ottiene con l'inserimento della punteggiatura, delle maiuscole, e dei segni tipografici:[11][12]

« Prese, dove Mise mise «mise», mise «misero». Misero! Mise «misero». Prese prese tre. »

Di seguito un brano tratto dal libro Il grande libro degli enigmi: antologia di problemi insoliti, trappole logiche e rompicapo di ogni tempo e latitudine di Tano Parmeggiani:

« Si tratta di un episodio della vita scolastica di Nicola Prese e Giovanni Mise. In una traduzione di un brano dal greco, Nicola, a differenza di Giovanni, tradusse erroneamente al plurale il passato del verbo mettere. Per questo e altri errori riportò un pessimo voto. La frase deve essere letta così: Prese, dove Mise mise "mise", mise "misero". Misero! Mise "misero". Prese prese tre. »
( Tano Parmeggiani e Carlo Eugenio Santelia, Il grande libro degli enigmi: antologia di problemi insoliti, trappole logiche e rompicapo di ogni tempo e latitudine, Milano, Rizzoli, 1975, pp. 17.196.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Magonet, p. 19.
  2. ^ Dundes, p. 135.
  3. ^ Van de Velde, p. 43.
  4. ^ a b (EN) 3802 - Operator Jumble, livearchive.onlinejudge.org..
  5. ^ Mike Amon, GADFLY, Financial Times, 28 gennaio 2004. URL consultato il 30 aprile 2009.
  6. ^ Jackson, p. 123.
  7. ^ Reichenbach, p. 405.
  8. ^ Weick, p. 186-187.
  9. ^ Lecercle, p. 86.
  10. ^ Hollin, p. 34.
  11. ^ a b c Prese dove Mise mise mise mise misero misero mise misero prese prese tre, cagliarimonamour.com, 2 aprile 2012. URL consultato il 2 aprile 2012.
  12. ^ a b c L'importanza della punteggiatura, Hunters & Mr Hide..

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alan Dundes, Carl R. Pagter, When you're up to your ass in alligators: more urban folklore from the paperwork empire, Wayne State University Press, 1987, ISBN 0-8143-1867-3.
  • Clive Hollin, Contemporary Psychology: An Introduction, Routledge, 1995, ISBN 0-7484-0191-1.
  • Hans Reichenbach, Elements of symbolic logic, Londra, Collier-MacMillan, 1947, ISBN non esistente.
  • Howard Jackson, Grammar and Vocabulary: A Resource Book for Students, Routledge, 2002, ISBN 0-415-23170-1.
  • Jean-Jacques Lecercle, The violence of language, Routledge, 1990, ISBN 0-415-03431-0.
  • Jonathan Magonet, A rabbi reads the Bible, 2ª ed., SCM-Canterbury Press, 2004, ISBN 978-0-334-02952-6.
  • Karl Weick, Making Sense of the Organization, 8ª ed., Wiley-Blackwell, 2005, ISBN 0-631-22319-3.
  • Roger Van de Velde, Text and thinking: on some roles of thinking in text interpretation, Walter de Gruyter, 1992, ISBN 3-11-013250-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]