James Caird (lancia baleniera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da James Caird (scialuppa))
James Caird
InSightOfOurGoal-NearingSouthGeorgia.jpg
La James Caird verso la Georgia del Sud
Descrizione generale
Civil Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo lancia baleniera
Cantiere Framnaes Schipyard
Destino finale Conservata presso il Dulwich College di Londra
Caratteristiche generali
Lunghezza 7 m
Propulsione a vela

[senza fonte]

voci di navi e imbarcazioni a vela presenti su Wikipedia

La James Caird è una lancia baleniera classica, lunga 7 metri e larga 2 metri, utilizzata come lancia di salvataggio della nave Endurance che nel 1914, durante l'omonima spedizione, ha portato Ernest Shackleton in Antartide. Intitolata dall'esploratore irlandese a James Key Caird, un finanziatore della missione, dopo il naufragio dell'Endurance è stata utilizzata da Shackleton, Frank Worsley, Tim McCarthy, John Vincent, Thomas Crean ed Harry McNish per compiere un epico viaggio di 700 miglia marine, circa 1300 chilometri dall'isola Elephant alla Georgia del Sud durante l'inverno antartico del 1916.

La James Caird, fu costruita in Inghilterra secondo precise istruzioni di Frank Worsley, con fiancate di pino del Baltico su di una struttura di olmo americano e quercia inglese. Sebbene fosse poco più lunga delle altre due imbarcazioni, la Wills e la Docker, la Caird era più leggera e più manovrabile per i legni usati. McNish aveva rialzato mirabilmente le sue fiancate di circa 40 centimetri, così, anche quando era a pieno carico, restava fuori dall'acqua per circa 60 centimetri. La Caird era la barca più sicura delle tre.[1] Durante il viaggio di una settimana verso l'Isola dell'Elefante, in termini di peso, le barche non erano sovraccariche. La Wills aveva a bordo otto uomini, la Docker e la Caird undici.

I particolari della drammatica avventura della James Caird sono narrati in molti libri, South! di Shackleton, edito nel 1919, The Endurance: Shackleton's Legendary Antarctic Expedition di Caroline Alexander, edito nel 1998, Endurance: L'incredibile viaggio di Shackleton al Polo Sud di Alfred Lansing, edito nel 2003. L'equipaggio della Caird sfidò i cosiddetti "cinquanta urlanti", quei venti micidiali che penetravano nelle ossa e tormentavano il corpo e l'anima, tipici del famigerato canale di Drake, oltre il 50º parallelo di latitudine Sud.

La barca è stata restaurata ed è attualmente conservata presso il Dulwich College, la vecchia scuola di Shackleton a sud di Londra.

Della James Caird ne è stata fatta una copia con la quale è stato ritentato con successo, l'attraversamento dei 1300 chilometri, dall'Isola dell'Elefante all'Isola Georgia del Sud[2].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lansing pag. 124.
  2. ^ (EN) Historic re-enactment. James Caird Society. 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]