In ottavo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In tipografia, l'in-ottavo o in-8º è un formato dei libri.

Nei libri antichi il formato in-ottavo si otteneva piegando tre volte un foglio intero. Una prima piegatura si effettuava lungo il lato minore, una seconda lungo il lato maggiore e infine una terza di nuovo lungo il lato minore. Il fascicolo o segnatura constava di 16 pagine ossia 8 carte, da cui il nome del formato. I filoni, cioè i segni della vergatura più distanziati tra loro simili a grossi fili visibili in controluce nella carta, erano verticali, mentre la filigrana era situata sul lato superiore di una delle carte, vicino alla cucitura.[1]

Il primo a stampare libri in-ottavo fu Aldo Manuzio all'inizio del XVI secolo.

I libri antichi in-ottavo (si parla in tal caso di "in-ottavo antico", "in-8ºant.") avevano un'altezza che storicamente aumentò, passando da 15 cm. nel Cinquecento fino ad arrivare nella prima metà dell'Ottocento solitamente a 23 cm. e talvolta anche a 25 cm. (si parla in tal caso di "in-ottavo grande", "in-8ºgr.").

Nei libri moderni il formato in-ottavo è dato dall'altezza del libro, misurata al frontespizio, variabile convenzionalmente da 20 a 28 cm.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lorenzo Baldacchini, Il libro antico, Roma, Carocci, 1999, p. 89.
  2. ^ Renzo Frattarolo - Marco Santoro, Vocabolario biblio-tipografico, Ravenna, Longo, 1982, p. 43.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE1022099663