Imposta sulle assicurazioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'imposta sulle assicurazioni è un tributo vigente in Italia, previsto dal titolo I della Legge 29 ottobre 1961, n. 1216, che grava sulle imprese di assicurazione.[1]

Oggetto dell'imposta[modifica | modifica wikitesto]

Oggetto dell'imposta sulle assicurazioni sono:

  • Le assicurazioni riguardanti beni immobili o mobili in essi contenuti
  • Le assicurazioni riguardanti i veicoli, navi, aeromobili
  • Le assicurazioni aventi durata inferiore o pari a 4 mesi, relative a rischi inerenti a viaggi o vacanze
  • Le assicurazioni riguardanti le merci trasportate da o per l'Italia
  • Le assicurazioni contro i danni
  • Le assicurazioni sulla vita[2]

Aspetti contabili[modifica | modifica wikitesto]

Le imprese di assicurazione sono tenute a tenere un registro in cui vengono indicati i vari premi di assicurazione incassati, secondo un modello indicato con decreto ministeriale. Tale registro ha valenza annuale e deve tenere distinti le somme incassate soggette a imposta e quelle esenti.[3]

Denuncia[modifica | modifica wikitesto]

Entro il 31 maggio di ogni anno, il soggetto passivo dell'imposta deve dichiarare all'agenzia delle entrate il totale dei premi incamerati l'anno precedente, soggetti a imposta. In tale denuncia il dichiarante deve tenere distinto i premi per categoria.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.normattiva.it
  2. ^ In tal senso, art. 1 legge 29 ottobre 1961, n. 1216.
  3. ^ In tal senso, art. 5 legge 29 ottobre 1961, n. 1216.
  4. ^ www.agenziaentrate.gov.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto