Il re pastore (Piccinni)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il re pastore
Titolo originale Il re pastore
Lingua originale italiano
Genere dramma per musica
Musica Niccolò Piccinni
Libretto Pietro Metastasio
Atti tre
Prima rappr. 10 agosto 1760
Teatro Teatro della Pergola di Firenze
Personaggi
  • Elisa
  • Alessandro
  • Aminta
  • Agenore
  • Tamiri

Il re pastore è un dramma per musica in tre atti del compositore Niccolò Piccinni su libretto di Pietro Metastasio. Il libretto originariamente fu scritto per Giuseppe Bonno, il quale lo musicò e lo mise in scena nel 1751 al Teatro Imperiale di Vienna.

Fu rappresentata per la prima volta il 10 agosto 1760[1] al Teatro Argentina di Roma, anno in cui il maestro pugliese produsse la sua più celebre opera buffa, La buona figliuola.

Rappresentazioni in tempi moderni e registrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Quest'opera fu rappresentata per la prima e unica volta in tempi moderni e registrata il 17 luglio 2008 a Martina Franca in occasione della XXXIII edizione del Festival della Valle d'Itria. L'esecuzione dell'Orchestra Internazionale d'Italia fu diretta da Giovanni Battista Rigon, mentre i cantanti che si esibirono furono Maria Laura Martorana, Nicola Amodio, Massimiliano Arizzi, Razek François Bitar e Daniela Diomede.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo il Grove Dictionary of Music and Musicians l'opera fu eseguita per la prima volta durante l'autunno del 1760; invece secondo altre fonti (generalmente considerate meno credibili) Il re pastore venne messo in scena il 30 maggio 1765 al Teatro San Carlo di Napoli, dove nel ruolo principale si esibì il celebre castrato Giuseppe Aprile.
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica