Il libro degli schizzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Libro degli Schizzi di Geoffrey Crayon (The Sketch Book of Geoffrey Crayon) di Washington Irving è una raccolta di 34 fra saggi e racconti brevi edita per la prima volta nel 1819. Eterogeneo negli argomenti trattati ma coerente nello stile e nell'ispirazione, il libro si snoda, per citare solo alcuni brani, tra la commossa difesa di antichi valori ("Sul carattere degli indiani d'America") l'omaggio e la celebrazione dei maestri ("Stratford-on-Avon"; "Un Re poeta"), il fantastico e l'arabesco ("La leggenda della valle addormentata"; "Rip Van Winckle"). Ed italiana UTET 1961, pagg.466, a cura di G.L. Brezzo e Silvana Adami.

Controllo di autoritàVIAF (EN183087354 · LCCN (ENn84122827 · GND (DE4635734-8

Curiosità: nell’edizione dei Classici della BUR edizione 1990 è presente a pag.208 un errore madornale di traduzione. Viene infatti citata nell’Abbazia di Westminster la tomba di Florence Nightingale che è morta nel 1910! Parimenti fuori luogo la nota a piè pagina che ricorda la vita della famosa crocerossina. In realtà la Nightingale del monumento funebre è Elizabeth nobildonna inglese morta nella prima metà del ‘700 di parto a 27 anni.