Il figlio dell'uomo (Magritte)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il figlio dell'uomo
Autore René Magritte
Data 1964
Tecnica olio su tela
Dimensioni 116×89 cm
Ubicazione collezione privata

Il figlio dell'uomo è un dipinto (olio su tela, 116×89 cm)[1] di René Magritte del 1964. Fa parte di una collezione privata.[1]

Esso raffigura, in primo piano, un uomo il cui volto è nascosto quasi completamente da una mela verde sospesa in aria. Sullo sfondo è visibile un oceano sovrastato da un cielo nuvoloso.

Riferendosi al dipinto, Magritte dichiarò:

« Ebbene, qui abbiamo qualcosa di apparentemente visibile poiché la mela nasconde ciò che è nascosto e visibile allo stesso tempo, ovvero il volto della persona. Questo processo avviene infinitamente. Ogni cosa che noi vediamo ne nasconde un'altra; noi vogliamo sempre vedere quello che è nascosto da ciò che vediamo. Proviamo interesse in quello che è nascosto e in ciò che il visibile non ci mostra. Questo interesse può assumere la forma di un sentimento letteralmente intenso, un tipo di disputa, potrei dire, fra ciò che è nascosto e visibile e l'apparentemente visibile. »

Inoltre, l'opera esprime una forte critica rivolta alla classe borghese (simboleggiata dall'abito formale del soggetto), che il pittore reputava meschina e ipocrita.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nathalia Brodskaïa, Surrealism, Parkstone International, 2012, p. 194.
  2. ^ Alain Robbe-Grillet, La Belle Captive: A Novel, University of California Press, 1995, pp. 201-202.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura