Il bagno turco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il dipinto di Ingres, vedi Il bagno turco (Ingres).
Il bagno turco
Il bagno turco.JPG
Una scena del film
Titolo originaleHamam
Lingua originaleitaliano, turco
Paese di produzioneItalia, Turchia, Spagna
Anno1996
Durata94 min
Generedrammatico
RegiaFerzan Özpetek
SoggettoFerzan Özpetek
SceneggiaturaFerzan Özpetek,
Stefano Tummolini
ProduttoreMarco Risi,
Maurizio Tedesco,
Cengiz Ergun,
Aldo Sanbrell
Produttore esecutivoPaolo Buzzi,
Ozan Ergun
Casa di produzioneSorpasso Film,
Promete Film,
Asbrell Productions
Distribuzione (Italia)Filmauro
FotografiaPasquale Mari
MontaggioMauro Bonanni
MusichePivio,
Aldo De Scalzi
ScenografiaVirginia Vianello,
Mustafa Ziya Ülgenciler
CostumiMetella Raboni,
Selda Cicek
TruccoGaja Banchelli
Interpreti e personaggi

Il bagno turco (Hamam) è un film del 1996 diretto da Ferzan Özpetek, alla sua opera prima.

È stato presentato nella Quinzaine des Réalisateurs del 50º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Francesco è un architetto che, alla morte di zia Anita - che non ricordava d'avere - eredita un vecchio bagno turco (hamam) a Istanbul in Turchia: vi si reca intenzionato a vendere quanto prima l'immobile e tornare così subito al suo studio a Roma che condivide con la moglie Marta, il cui matrimonio è in crisi, e con Paolo, un altro socio.

A Istanbul viene accolto dalla famiglia di Osman, che insieme alla defunta zia, gestiva l'hamam, chiuso ormai da molti anni. Tutti i familiari erano molto affezionati ad Anita e si dimostrano molto ospitali con Francesco, che ne rimane piacevolmente colpito. Affascinato dalla stessa Istanbul e innamoratosi di Mehmet, Francesco decide di non vendere più l'immobile, ma di trattenersi a Istanbul per ristrutturarlo.

Al protrarsi dell'assenza di Francesco da Roma, Marta lo raggiunge, decisa a separarsi definitivamente da lui, scoprendolo così profondamente cambiato: il drammatico confronto tra i due viene improvvisamente interrotto da un tragico evento che cambierà per sempre la vita di Marta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Quinzaine 1997, quinzaine-realisateurs.com. URL consultato il 18 gennaio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]