Hypermiling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'hypermiling è un metodo di guida per massimizzare il risparmio di combustibile. Le persone che adottano questo metodo vengono chiamati hypermiler. L'hypermiling è stato definito dal New Oxford American Dictionary come un tentativo per massimizzare i chilometri percorsi in base al consumo dell'auto, effettuando modifiche atte al risparmio di carburante, alla vettura ed alla propria tecnica di guida. Nel 2008, la parola "Hypermiling" ha vinto il titolo come la miglior nuova parola dell'anno dal New Oxford American Dictionary[1]. In Italiano si potrebbe tradurre con il neologismo "iperpercorrenza". Hypermiling, che può essere praticata in qualsiasi veicolo a prescindere dalla sua economia di combustibile, ha guadagnato in popolarità a causa del rialzo dei prezzi della benzina nel corso del 2000. Mentre le tecniche comuni possono essere svolte da parte di qualsiasi automobilista facendo piccoli cambiamenti nelle proprie abitudini di guida, molti hypermilers utilizzano tecniche più avanzate, alcune delle quali però sono considerate al limite della legalità[2]. In Italia, ogni anno, si tiene una gara di consumo a circuito chiuso, all'Autodromo di Magione denominata la "25 ore di Magione".

Perdite di energia nel veicolo[modifica | modifica wikitesto]

Un esempio dei flussi di energia in una modello di macchina recente. Caso (a) durante la guida urbana; caso (b) in autostrada. Fonte: U.S. Department of Energy [3][4]

La maggior parte della perdita di energia di carburante degli autoveicoli si verifica con le perdite termodinamiche del motore. Il più grande spreco di energia è quello che il motore ha quando è acceso ma la macchina è ferma, il che spiega le grandi guadagni disponibili da spegnere il motore nelle fermate prolungate e l'introduzione di tecnologie come lo Start&Stop sui veicoli più recenti. I dati per l'energia sprecata in frenata, la resistenza al rotolamento e la resistenza aerodinamica sono tutti un po' fuorvianti, perché non riflettono di tutta quell'energia che viene sprecata nel processo di fornire l'energia alle ruote. L'immagine riporta che sulla strada urbana, il 6% dell'energia del combustibile viene dissipata in frenata; tuttavia, dividendo questa cifra per l'energia che raggiunge effettivamente il perno (13%), si può trovare che il 46% dell'energia raggiungere l'asse va ai freni. Inoltre, l'energia supplementare può potenzialmente essere recuperata quando si va giù per le colline, una cosa che non può essere conteggiata in queste cifre.

Manutenzione[modifica | modifica wikitesto]

Le gomme con una pressione di gonfiaggio insufficiente possono consumarsi prima e contribuire a dissipare più energia (circa l'1% per ogni 0,1 bar perso in ciascuna delle quattro gomme[5]). Anche l'allineamento delle ruote, l'evaporazione del carburante mentre l'auto è ferma e un olio motore dall'alta viscosità possono diminuire l'efficienza del motore. Nei motori a combustione interna un filtro dell'aria sporco e/o otturato riduce il flusso dell'aria e può diminuire l'efficienza energetica del veicolo[6].

Peso dell'auto e aerodinamica[modifica | modifica wikitesto]

I guidatori possono aumentare il chilometraggio per litro minimizzando il numero di persone e bagagli trasportati dal veiocolo. Rimuovere accessori che non sono utilizzati può essere utile. L'aerodinamica del veicolo è importante nel determinare il consumo di una macchina, generalmente si usa il coefficiente di resistenza aerodinamica per fare un confronto fra i vari veicoli. Aumentare il "profilo" della vettura (montando ad esempio barre portatutto, bauli sul tetto o altri oggetti fuori dalla carrozzeria del veicolo) aumenta la resistenza che l'aria oppone al passaggio del mezzo, portando ad un maggiore consumo di carburante.

La velocità[modifica | modifica wikitesto]

La velocità da mantenere è un fattore importante per una guida nell'ottica del risparmio. Di solito, la macchina consuma meno quando viaggia ad una velocità costante, tenendo premuto poco l'acceleratore e con la marcia più alta disponibile inserita. La velocità ideale da mantenere dipende dal tipo di veicolo, a velocità più grandi la resistenza del vento inizia ad essere sempre più importante nel ridurre l'efficienza energetica. Per esempio, la Tesla Model S può percorrere fino a 728,7 km alla velocità di 39 miglia all'ora.[7][8]

Anche la congestione delle strade è importante nel determinare i consumi di carburante, il traffico abbassa l'efficienza energetica dei motori a combustione interna. Alcuni studi hanno dimostrato che introdurre dei limiti di velocità può essere utile per aumentare l'efficienza energetica dal 2% al 18%.[9]

Accelerazione e decelerazione[modifica | modifica wikitesto]

L'efficienza del carburante varia con il veicolo. L'efficienza del carburante durante l'accelerazione generalmente migliora mentre i giri aumentano fino a un punto nei pressi della coppia massima che il motore può erogare. In generale, l'efficienza del carburante è massimizzata quando l'accelerazione e la frenata sono ridotti al minimo. I freni convenzionali dissipano energia cinetica sotto forma di calore, che è irrecuperabile. La frenata rigenerativa, utilizzata dai veicoli ibridi / elettrici, recupera una parte dell'energia cinetica, ma una certa energia viene persa nella conversione, e la frenatura è limitata dalla corrente di carica massima della batteria e dall'efficienza dell'intero sistema.

Le macchine moderne montano di serie un dispositivo chiamato Cut-off, che consente di risparmiare carburante in fase di decelerazione. Questa soluzione tecnica consente, quando l'acceleratore è completamente sollevato, di interrompere il flusso di carburante: in tal modo il motore è "trascinato" dall'inerzia del veicolo. Non appena si scende sotto un certo numero di giri, il flusso è ripristinato per evitare che il motore si spenga [10].

Nelle macchine che hanno il cambio manuale utilizzare la marcia più alta disponibile aumenta la propria percorrenza per litro di carburante: viaggiare a giri troppo alti o troppo bassi è comunque deleterio per l'efficienza del veicolo. In alcune vetture recenti è presente un indicatore che segnala quando è il momento opportuno di cambiare marcia. Le prestazioni di un motore sono indicate da curve caratteristiche che, fra le altre cose, ci consentono di ricavare il consumo al variare dei giri.

Gli accessori elettrici del veicolo[modifica | modifica wikitesto]

Il National Renewable Energy Laboratory in una relazione del 2000 suggerisce che un carico di 400 W su un motore convenzionale può aumentare il consumo di carburante fino al 20%.[5] D'estate, aprire i finestrini al posto che utilizzare il condizionatore può essere più vantaggioso a basse velocità. Questa tecnica, tuttavia, causa un aumento di resistenza in forma di resistenza dell'aria e la riduzione dei costi è minore di quanto generalmente previsto.

Fattori individuali[modifica | modifica wikitesto]

Il guidatore può adottare una serie di accorgimenti per ridurre il consumo di carburante, come pianificare il viaggio prima di mettersi al volante per scegliere la strada migliore e viaggiare ad una velocità costante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Articolo della CNN
  2. ^ (EN) Articolo su Tulsaworld
  3. ^ http://www.fueleconomy.gov/feg/atv.shtml/
  4. ^ http://onlinepubs.trb.org/onlinepubs/sr/sr286.pdf
  5. ^ a b http://www.nrcan.gc.ca/energy/efficiency/transportation/cars-light-trucks/driving/7521
  6. ^ http://www.ilpuntomanutenzione.it/Guide.aspx?idguida=3 Filtro aria motore, cos'è, come funziona, a cosa serve?
  7. ^ Andersen, Ina. "http://www.tu.no/industri/2015/08/26/norske-bjorn-kjorte-728-kilometer-i-en-tesla--pa-en-lading Norske Bjørn kjørte 728 kilometer i en Tesla – på én lading]" Teknisk Ukeblad, 26 August 2015. In English
  8. ^ "Longest Trip In A Production Electric Car: Tesla Model S P85D breaks Guinness World Records record" World Record Academy
  9. ^ Do lower speed limits on motorways reduce fuel consumption and pollutant emissions?, su eea.europa.eu, European Environment Agency (EEA), 13 aprile 2011. URL consultato il 3 dicembre 2015 (archiviato il 29 marzo 2014).
  10. ^ Cut-Off, Dizionario tecnico dell'automobilismo, staff.nt2.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]