Gruppo di affinità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un gruppo di affinità è di solito un piccolo gruppo di attivisti (il numero può variare da 3 a 20) che lavorano insieme alla realizzazione di un obiettivo. I gruppi di affinità sono organizzati con modalità non-gerarchiche, di solito usano il metodo del consenso come processo decisionale e sono spesso fatti di amici fidati di comune ideologia. Essi forniscono un metodo di organizzazione flessibile e decentralizzata.

Gruppi di affinità possono essere basati su una ideologia comune (ad esempio, l'anarchismo), una comune preoccupazione per un determinato problema (ad esempio anti-nucleare) o una attività comune, ruolo o competenza (ad esempio, il Black Block). I gruppi di affinità possono avere adesione sia aperta che chiusa, anche se quest'ultima è molto più comune.

Un esempio di utilizzo dei gruppi di affinità in campo nonviolento è quello applicato dalla Rete di Formazione alla Nonviolenza, per intervenire nella Guerra dei Balcani, durante l'organizzazione delle Marce della pace a Sarajevo nel dicembre 1992 e nell'agosto 1993 [1].

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ v. S. Eandi, E. Euli, Anch'io a Sarajevo!: l'intervento formativo della RFN , Quaderni della Rete di Formazione alla Nonviolenza, n°2, Satyagraha, Torino, 1995, http://www.worldcat.org/title/anchio-a-sarajevo-lintervento-formativo-della-rfn/oclc/797780605