Giovanni Stefano Robatto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gio Stefano Robatto (Savona, 1652Savona, 6 ottobre 1731) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La vita di Robatto (o Rubatto è poco conosciuta, perfino le date corrette di nascita e di morte sono state ritrovate solo in anni recenti.[1] [2] Era il secondo dei dodici figli del ricco oste Sebastiano[3] e rivelò precocemente una "inclinazione alla pittura".[4] Si recò giovanissimo a Roma, dove a 13 anni imparò l'arte della pittura nell'atelier di Carlo Maratta facendosi apprezzare anche da Bernini e Baciccio. Vi restò per 15 anni, quindi viaggiò e dipinse per l'Italia a Napoli, Messina, Bologna, Venezia e all'estero anche in Germania. Nel 1683 ritornò a Savona, dove lasciò molte opere significative e fu impiegato anche per la decorazione ad affresco di due porte cittadine e come scenografo del duomo in occasione della Settimana Santa. Egli però fu attivo anche a Genova, a Torino e in diverse altre località del Piemonte.

Fu un pittore apprezzato per il suo colore pieno di sentimento, ma secondo lo storico savonese Noberasco le sue opere più tarde sono trascurate e affrettate, perché il Robatto era diventato vittima del vizio del gioco.[5]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Nella Pinacoteca civica di Savona sono conservate le seguenti opere:

  • Martirio di San Sebastiano;
  • La Vergine appare a S.ìan Gaetano;
  • Madonna addolorata';
  • Mercurio ed Argo;
  • Testine di angeli;
  • Disegni e bozzetti.

Altre opere, a Savona:

  • Miracolo di San Biagio, 1ª cappella navata destra della Chiesa di S. Giovanni Battista, in S. Domenico (C. Varaldo);
  • Affreschi nel presbiterio dell'Oratorio del Cristo Risorto (C. Varaldo);

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'atto di battesimo fu ritrovato da Carlo Varaldo, cfr. Magnani, p.91.
  2. ^ Magnani, p.88.
  3. ^ Buscaglia, p.352, n.11.
  4. ^ Migliorini
  5. ^ F. Noberasco, "Savonesi illustri", pag. 48.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Buscaglia, Ceramisti della famiglia savonese Robatto, in Atti del XXXIX Convegno Internazionale della Ceramica, Centro Ligure per la Storia della Ceramica, Albisola 2006, pp. 351-354.
  • G.B. Garassini, Di Giovanni Stefano Rubatto, in Atti e Memorie della Società Storica Savonese, II, Savona 1889-90, pp. 701-725.
  • L.G. Magnani, Gio Stefano Robatto nella cultura tardo secentesca savonese, in Atti e Memorie della Società Savonese di Storia Patria, n.s. XII (1978).
  • R. Soprani e C. G. Ratti, Vite de' pittori, scultori e architetti genovesi,
  • Michael Bryan, Dictionary of Painters and Engravers, Biographical and Critical (Volume II L-Z), a cura di Walter Armstrong & Robert Edmund Graves, York St. #4, Covent Garden, London; Original from Fogg Library, Digitized May 18, 2007, George Bell and Sons, 1889, pp. 389.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN172472626 · ULAN (EN500166597