Giardino dei Ciucioi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giardino dei Ciucioi
Lavis-Giardino dei Ciucioi-panorama from south.jpg
Panorama del giardino dei Ciucioi da sud
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàLavis
Caratteristiche
Tipogiardino
Inaugurazione1860
Mappa di localizzazione
Sito web

Coordinate: 46°08′21.52″N 11°07′01.85″E / 46.13931°N 11.11718°E46.13931; 11.11718

Il giardino Bortolotti, meglio noto come giardino dei Ciucioi, è un antico giardino pensile situato a pochi passi dal centro storico del comune di Lavis.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il giardino fu ideato e realizzato per volontà dell'imprenditore Tommaso Bortolotti, stimato cittadino ed ex sindaco di Lavis. La costruzione del giardino durò circa 20 anni e fu condotta tra il 1840 e il 1860 a seguito di un investimento di oltre 60 mila fiorini dell'epoca.[1]

Il giardino ospitava piante rare ed esotiche disposte in due serre vetrate tra cui palme, magnolie, limoni, aranci, nespole del Giappone, piante officinali ed aromatiche.[2]

Durante la Grande guerra il giardino subì diversi danni e nel corso degli anni, nonostante alcuni interventi di manutenzione, il Giardino perse l'antico splendore e si ridusse l'interesse per il monumento.[2]

Nel 1999 il giardino è stato acquistato dal Comune di Lavis e dal 2000 è stato oggetto di un progetto di restauro.[3] Più recentemente è stato riaperto al pubblico per visite guidate e per ospitare manifestazioni culturali cittadine.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

« A chi viaggiando sulla ferrovia elettrica Trento-Malè o sulla strada ereriale per il Brennero, imbocca il ponte di Lavis, si presenta una fantastica scena di mura merlate, di balconi pensili, di serre e di terrazze che ad onta delle ingiurie del tempo decorano l'ultima falda meridionale del colle detto Il Paion, con una varietà appariscente di linee e di colori. »

(Carlo Sette, Il Giardino Bortolotti detto Ciucioi in Lavis, 1927)

Il giardino dei Ciucioi è un esempio di architettura romantica che integra elementi eclettici e pittoreschi ottocenteschi. Si sviluppa in un percorso a rampa elicoidale, alla cui sommità si trova la casa del giardiniere, in cui si susseguono terrazzamenti e curiose strutture: la facciata di una chiesa neogotica; un castello con porticato; un criptoportico; una loggia rinascimentale; guglie moresche.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige