Gaucherio di Aureil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Gaucherio)
Jump to navigation Jump to search
San Gaucherio di Aureil
Nascitacirca 1060
Morte9 aprile 1140
Venerato daTutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Canonizzazionenel 1194 papa Celestino III
Ricorrenza9 aprile

Gaucherio (Juziers, 1060 circa – Aureil, 9 aprile 1140) è stato un religioso francese, fondatore e primo priore della congregazione di canonici regolari di Aureil. Il suo culto come santo fu approvato da papa Celestino III nel 1194.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato condotto in pellegrinaggio a Saint-Gilles da un tale Raniero, attorno all'età di diciotto anni decise di ritirarsi a vita eremitica insieme al suo amico Germondo: si stabilì nei boschi di Chavagnac, dove era stato probabilmente attirato da mastro Umberto, canonico di Saint-Étienne nella vicina Limoges.

Per il rifiuto dei proprietari di cedere il terreno agli eremiti, Gaucherio e Germondo si trasferirono nel bosco di Les Sauvages, presso Aureil, di proprietà dei canonici di Limoges.

Con l'appoggio del canonico Umberto e l'approvazione dei vescovi di Limoges Guy de Laront e Humbauld de Saint-Sèvère, Gaucherio vi fondò un monastero di canonici regolari intitolato a San Giovanni Evangelista, la cui chiesa fu consacrata il 21 agosto 1093; Gaucherio si perfezionò presso i canonici regolari di San Rufo di Avignone e fu il primo priore della comunità di Aureil.

Fondò anche il monastero femminile di Bos-las-Mongeas.

Cadde da cavallo il 7 aprile 1140 e morì, all'età di circa ottant'anni, il 9 aprile successivo.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Fu proclamato santo il 18 settembre 1194.

Il suo elogio si legge nel Martirologio Romano al 9 aprile: "Ad Aureil nel territorio di Limoges in Francia, san Gaucherio, che, canonico regolare, fu per il clero modello di vita comunitaria e di zelo per le anime."

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jean Becquet, in G. Pelliccia e G, Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), vol. IV (1977), col. 1044.
Controllo di autoritàVIAF (EN215293676 · WorldCat Identities (ENviaf-215293676